Il sogno diventa realtà: l’Akron Savoca supera 1-0 l’Agostiniana è vola in Seconda Categoria.

L’Akron Savoca taglia il traguardo sognato ad inizio campionato: il salto in Seconda Categoria. Una magistrale punizione di Alessandro Impellizzeri apre la corsia della Promozione, arrivata al triplice fischio finale dell’ottimo direttore Marino Rinaldi che apre finalmente la porta della Seconda Categoria mancata per diversi anni, dopo due finali persi e due semifinali, finalmente davanti ad una spettacolare cornice di pubblico (oltre 500 spettatori) l’Akron Savoca può liberare la rabbia che ha in corpo festeggiando sotto la gradinata dei propri sostenitori. Se da una parte si festeggia, dall’altra parte l’Agostiniana Calcio viene applaudita dai suoi supporters nonostante il “sogno” sia sfumato.
Tutti bravi i 22 giocatori in campo, nonostante la posta in palio si sono affrontate a viso aperto con l’unico obiettivo vincere attraverso il gioco. Diciamo che i ragazzi di mister Carmelo Rigano hanno avuto più possesso palla , a trattati soprattutto nella seconda metà del primo tempo hanno avuto in mano la zona nevralgica del centrocampo che produce una conclusione di Salvatore Garufi su calcio di punizione dal vertice destro dell’area savocese, una bordata che passa di poco dal palo destro di Emilio Di Bella . Ancora Garufi al 25’ con un tiro da fuori sopra la traversa.
Sul fronte savocese si fa sentire l’esperienza in difesa di Landò Pantò e Giuseppe Ciulla che chiudono in una morsa i due attaccanti Marco Calì e Walter Padiglione, mentre a centrocampo la forza fisica di Nico Rovito e l’intelligenza tattica di Sebastiano Perrone supportati dal duo Alessandro e Danilo Impellizzeri cercano di fare arrivare il suggerimento giusto per i due attaccanti Marco Spadaro e Peppe Mangiò che al 30’ da ottima posizione non riesce a coordinarsi per battere a rete. La gara è viva anche se le conclusioni a rete latitano per la bravura delle rispettive difese: da vedere il duello a distanza tra due amici ed ex compagni al tempo del S. Alessio tra l’attaccante savocese Peppe Mangiò e il forzese Fabrizio Lo Giudice. Si va al riposo con il punteggio di parità.
Nella ripresa i due tecnici danno fiducia all’undici iniziale con la gara che continua sugli stessi canoni del primo tempo, l’Agostiniana cerca di fare la partita avendo un unico risultato dalla sua parte (la vittoria), mentre i savocesi basta non perdere per poter festeggiare. La squadra in maglia gialla cerca con Padiglione e Carnabuci sulle fasce con il supporto di Zouhir cerca di trovare la soluzione vincente, grossa opportunista sui piedi di Padiglione di poco sopra la traversa. . Al 70’ la gara s’infiamma improvvisamente: azione manovrata del Savoca con palla ad Impellizzeri che viene atterrato giù da un difensore dell’Agostiniana, i savocesi reclamano il calcio di rigore con l’arbitro aiutato dal suo assistente fa proseguire.
All’80’ arriva l’episodio che decide la finale play-off di Terza Categoria – Girone B – del Comitato di Messina: l’arbitro concede un calcio di punizione dal limite ai savocesi. Sulla sfera si presenta Alessandro Impellizzeri che compie una prodezza personale mandando la sfera sotto l’incrocio dei pali con il portiere Trimarchi battuto. Con il vantaggio dell’Akron Savoca cambia l’atteggiamento dell’Agostiniana che ha poco dieci minuti di tempo per ristabilire la parità.
La prima mossa operata da Carmelo Rigano è l’esperto Salvatore La Rocca al posto del difensore Bonaventura per dare più spinta in attacco dove Marco Calì non riesce a svincolarsi dalla morsa dei difensori savocesi. Al 88’ Rigano è costretto a richiamare Stracuzzi che risente della botta presa in precedenza. L’Agostiniana tenta il tutto per tutto ma si deve arrendere al triplice fischio finale che laurea campione l’Akron Savoca che approda in Seconda Categoria.
Come è ovvio al fischio dell’arbitro è iniziata la festa da parte dei giocatori savocesi per il traguardo raggiunto, esultanza oltre sul rettangolo di gioco è proseguita anche all’interno degli spogliatoi con doccia finale con tutti i vestiti di mister Daniele Tusano, poi tutti a brindare al Bar Heaven del bomber Peppe Mangiò.


Akron Savoca 1 Agostiniana Calcio 0

Marcatore: 80’ Al. Impellizzeri.
Akron Savoca: Di Bella, Roma, Pantò, Perrone (82’ D’Amico), F. Mantarro, Ciulla, D. Impellizzeri, Rovito, Mangiò (90’ A. Spadaro), Al. Impellizzeri, M. Spadaro. All: Daniele Tusano.
Agostiniana Calcio: Trimarchi, Bonaventura (86’ La Rocca), Caminiti, Stracuzzi ( 89’ D. Muscolino), Principato, Lo Giudice, Carnabuci, Garufi, Calì, Zouhir, Padiglione. All: Carmelo Rigano.
Ammoniti: Pantò (Akron Savoca) e S. Carnabuci (Agostiniana Calcio)
Arbitro: Marino Rinaldi di Messina. Assistenti: Spadaro e Totaro.

A breve gli altri servizi sulla finale: interviste, i gol di Impellizzeri, la festa negli spogliatoi e sul campo