C’era una volta il calcio a Giardini. Pensiero appassionato di un tifoso…..!!!!

L’argomento in questione potrebbe sembrare interessante, se non fosse per un piccolo particolare, il soggetto del titolo non esiste. Sì, potrebbe suonare strano, ma in effetti è così. Il calcio a Giardini non esiste. O per lo meno c’è, ma di vero calcio ha ben poco! 1-2-3-4 squadre, In un paesino di neanche 10 mila abitanti, sono lo specchio della confusione e delle manie di protagonismo di tutti gli interessati, che rendono ancora più annebbiati gli stupendi ricordi calcistici che nel corso degli anni passati ha collezionato il nostro paese.

Come dimenticare gli anni del vecchio e glorioso Sporting club giardini degli anni ’80-’90, che faceva paura a tutta la sicilia, o ancora più recente, l’ultimo asd giardini naxos che ha conquistato il campionato di prima categoria ottenendo la promozione nei primi anni del 2000… Sembra sia passato un millennio… E invece sono solamente cambiati gli obiettivi e le teste… Si è passati dal voler bene al proprio paese, mettendo anima e cuore in tutto quello che comprendeva l’essere squadra, dal riunire tutta la città attorno ai propri ragazzi, che scendevano in campo ogni domenica orgogliosi della maglia che indossavano, a cosa???
A formare tre squadre, ciascuna ai ferri corti con le altre! A costringere i migliori giocatori del paese ad “emigrare” verso squadre limitrofe dopo essere stati sostituiti da ragazzi provenienti da altri paesi, pagati per distruggere gli spogliatoi e per quel loro talento cosí nascosto da non uscire mai allo scoperto… Un esempio lampante è quello della squadra X, che durante la scorsa stagione, nonostante il percorso trionfante, ha poi fallito miseramente, anche a causa della strategia societaria poco efficace, che ha portato la maggior parte dei ragazzi, delusa da allenatore e società, a lasciare la squadra… E’ alla fine, come si è concluso il campionato? Ma soprattutto perchè è finito così?
Ogni giardinese, in una finale play off contro il Taormina, in qualunque serie, avrebbe giocato con il coltello fra i denti… Tuttavia, la scelta di lasciare a casa gente di cuore e di grinta, ma soprattutto di paese, in favore di altri, non ha dato ( ovviamente ) i suoi frutti. O meglio, la scelta di cambiare tutti i giocatori della squadra Y dopo la vittoria del campionato di seconda categoria, che intuizione! L’anno successivo, il risultato è stato una squadra interamente composta da ragazzi di paesi limitrofi e conseguente retrocessione garantita!  L’unica bella realtà sembra quella della squadra Z che, risultati a parte, sembra avere la giusta mentalita; tuttavia, qualche vittoria non guasterebbe…E’ Chissà cosa saremo costretti a vedere quest’anno! Sembra quasi una barzelletta, ma questa è la realtà… A Giardini, ormai, sono molte le cose che non funzionano: dal comune, alle strade, alle scuole. Pur sapendo che oggi il calcio è l’ultimo dei problemi, sarebbe proprio bello poter parlare di nuovo del Calcio a Giardini.