Carmelo Fasolo dopo cinque anni fantastici alla Robur ritorna nella sua Furci.

Stagione 2008-09 vince il campionato di Terza Categoria con la squadra del suo paese Asd Furci,  dal 2009-10 al 2013-14 nello staff tecnico della Robur, stagione sportiva 2014-15 il suo ritorno a casa nella Nuova Indipendente.

Stiamo parlando di un furcese doc  una vita  sui campi di calcio prima come giocatore poi come allenatore, un vero appassionato del pallone, nel suo Dna corre l’amore verso il calcio che gli ha riservato tante gioie, ma allo stesso tempo anche delusioni  ed amarezze: Carmelo Fasolo che fa ritorno nella  Furci Calcistica  dopo cinque anni trascorsi nella famiglia della Robur del Presidente Carmelino Laganà.

La nostra chiacchierata non poteva che iniziare con la classica domanda: mister è vero che dopo cinque stagioni lascia l’Asd  l’Asd Robur per fare ritorno a casa? “ Confermo il mio  ritorno a Furci nella Nuova Indipendente”.

Da furcese come ti sei trovato nella famiglia della Robur. Cinque anni dove hai vissuto delle stagioni importanti con la promozione in Prima Categoria? “Un periodo fantastico  più di quel che mi potessi  aspettare. Il lavoro svolto da ruggeri è stato fantastico abbiamo fatto due finali di playoff una promozione con 5gg di anticipio una salvezza alla penultima giornata e un 5 posto l anno scorso”.

Il tuo rapporto con Giovanni Ruggeri come è stato? “Non ho parole come definire questo nostro rapporto”

Ti faccio un nome, un simbolo della Letojanni sportiva: Carmelino Laganà? “Un Presidente fantastico”.

In questi cinque anni il giocatore che ti ha sorpreso di più? “Uno su tutti, senza fare torto ad alcuno, sicuramente  Fulvio Risiglione”.

Da furcese come hai vissuto la rivalità sportiva Robur – Letojanni? “ Onestamente male non sopportovo questo dualismo”.

Facciamo un passo all’indietro alla stagione della vittoria del campionato di Terza Categoria sulla panchina dell’Asd Furci? “Un’ avventura bellissima,  è stata una vittoria di tutto il paese compreso le mamme e i papà dei giocatori.”

Una stagione stupenda finita poi con la tua scelta di farti da parte…..poi è arrivata la Robur? ” Non è stata una mia scelta sono stato ferito nell’ animo e nella persona non meritavo quello che mi hanno  fatto…..poi è arrivato Giovanni Ruggeri che  mi ha detto vieni con me con la tua esperienza faremo delle cose interessanti , cosi è stato.”

Come hai visto in questi anni il calcio a Furci, realtà calcistiche che durano un lasso di tempo.? “ Su questo voglio dire che a Furci il calcio è stato sempre trainante nella vita sociale del paese, non sarà come quando c’era l’Indipendente, comunque è sempre vivo il calcio anche quando non partecipava a nessun torneo Figc, come per esempio la mia partecipazione a diversi campionati Uisp con la soddisfazione di arrivare secondi al Torneo di Sportilia”.

Adesso il calcio a Furci è rappresentato dalla Nuova Indipendente? “Bella realtà la Nuova Indipendente con giovani dirigenti che voglio portare il calcio a Furci nella giusta dimensione”.

Il futuro di Carmelo Fasolo? “Vorrei fare qualcosa di positivo a Furci dovè ho sempre lavorato per il calcio, non solo maschile  anche femminile.

Il futuro del calcio a Furci e nella nostra riviera jonica? “ Il futuro di Furci sono i giovani. Nella riviera jonica ci vuole organizzazione e programmazione come qualche società sta facendo”.

Chiudiamo con una dedica particolare alla tua ex Società? “Auguro alla Robur tutte le fortune e i desideri da realizzare”.

Al presidente Carmelino Laganà? “Continuare a fare il Presidente senza di lui non sarà più la famiglia Robur”.

All’allenatore Giovanni Ruggeri? “Pensiero particolare a Giovanni Ruggeri merita qualcosa in più, è un trascinatore, un tecnico ben preparato, serio le auguro tanta fortuna calcistica”

Ai giocatori? “Seguite il mister è un grande come lo siete voi”.

Ai tifosi roburini? “Ai tifosi continuate a seguire la Robur vi darà tante soddisfazioni”.