1^ Cat. Girone E: Nessuna squadra a punteggio pieno. Parità tra Atletico Messina e Taormina. La Robur vince il derby con il Nizza.Primo brindisi per Giardini Naxos e Camaro.

Nessuna squadra a punteggio pieno nel Girone E del campionato di Prima Categoria. Al comando cinque formazioni con 4 punti, unica squadra ancora a zero punti la Desport Gaggi. La seconda giornata  è stata caratterizzata da nessuna vittoria esterna, da ben quattro pareggi e tre vittorie casalinghe (Camaro, Giardini Naxos e Robur).
Prima vittoria per il Giardini Naxos e Camaro con l’identico punteggio di 1-0 ai danni della Desport Gaggi e Venetico. In tutto sono stati segnati 15 gol di cui quattro su calcio di rigore: Fulvio Risiglione (Robur), Fabrizio Giordano per il Gescal, Buda per il Camaro e La Corte per l’Atletico Messina. Dopo la seconda giornata si conferma miglior attacco (7 reti) l’Atletico Messina, peggior difesa la Desport Gaggi (6 subite).

Robur – Mediterranea Nizza: La Robur si aggiudica i primi tre punti stagionali superando per 3-2 al Mario Lo Turco la Mediterranea Nizza che rimonta i due gol di svantaggio, poi un capolavoro di Davide Principato, l’ex di turno regala la vittoria al Presidente Carmelino Laganà.  La gara si sblocca dopo tre minuti lancio di Pantè in area favorito dal vento scavalca il portiere Cisterna. Al 15’ arriva il raddoppio dei padroni di casa: azione iniziata da Riccobene che lancia Principato che spizzica di testa per Merlino che viene messo giù da Speranza con l’arbitro che indica il dischetto di rigore. Sulla sfera si presenta l’esperto  centrocampista Fulvio Risiglione che non lascia scampo al numero uno nizzardo. Al 34’ gli ospiti accorciano le distane con una perfetta triangolazione Romeo-De Salvo-Romeo con quest’ultimo di punta mette alle spalle del portiere.  Si al riposo con la Robur in vantaggio per 2-1. Nella ripresa arriva il pareggio della Meditarranea Nizza: perfetto assist su punizione di De Salvo il cui spiovente viene raccolto da Paolo Annone che trova l’angolino vincente sul secondo palo. Le emozioni non mancano: all’80’ la Robur rimane in 10’ per l’espulsione di Merlino, subito dopo arriva il capolavoro su punizione di Davide Principato, per fallo su Filippo Saglimbeni, un tiro di potenza sopra la barriera che non lascia scampo al giovane Cisterna.
Atletico Messina – Atletico Taormina (2-2): Di fronte le due neo promosse che dopo 90’ combattuti si sono divisi la posta in palio. Dopo il 5-1 rifilato alla Desport nella gara di esordio l’Atletico Messina cercava fra le mura amiche la conferma, ma ha rischiato la sconfitta evitata in pieno recupero dal gol magistrale su punizione di Paludetti: palla che colpisce l’incrocio dei pali per poi finire in fondo alla rete.   Sono stati i padroni di casa al 22’ a portarsi in vantaggio su calcio di rigore per fallo di Muscarà ai danni di La Corte. Lo stesso giocatore va sul dischetto realizzato il gol del vantaggio. L’Atletico Taormina prima del riposo colpisce nella stessa azione due volte i legni con Charlie Famà. Nella ripresa i taorminesi giocano in inferiorità numerica (Licandri espulso al 44’ del primo tempo) passano pochi minuti ed arriva il pareggio con il vivace Famà il cui destro non lascia scampo a La Fauci. Ancora Atletico Taormina che al 61’ si porta in vantaggio con Noce servito perfettamente da Cipolla, conclusione sul secondo palo  con la sfera che fa alle spalle di La Fauci.  La reazione dei messinesi si fa sentire, al 75’ viene espuslo La Valle per proteste ristabilendo la parità numerica, quando ormai sembrava fatta per i taorminesi, arriva il gol di Paludetti.

Giardini Naxos – Desport Gaggi (1-0): Un derby non certo spettacolare quello andato in scena al Comunale giardinesi che ha visto alla fine la vittoria dei padroni  di casa che sbloccano il risultato nella ripresa con Spadaro che trova la deviazione vincente sul traversone di Savio. Al 65’ il Giardini va vicino al raddoppio con De Luca che fa la barba al palo e al 75’ Adornetto intercetta una perfida punizioni indirizzata all’incrocio dei pali da Bonanno. Alla fine gioiscono i ragazzi di Brunetto, delusione in casa Desport Gaggi alla ricerca dei migliori automatismi.

Camaro – Venetico (1-0): Arriva sul dischetto la prima vittoria stagionale  della formazione allenata da mister Lucà: siamo al 75’ l’arbitro concede il calcio di rigore per fallo su Cardia stretto in area da due difensori ospiti. Sulla sfera non sbaglia Fabio Buda  che non lascia scampo al portiere Orefice. Una gara in cui i padroni di casa hanno creato diverse palle gol ma non finalizzate in rete, a tempo scaduto Rifici dal limite colpisce il palo con il portiere ospite fuori causa.

Pompei – Or.sa (0-0): Si dividono la posta in palio con il classico risultato di 0-0. Forse ai punti avrebbe meritato il Pompei che ha cercato con più convinzione la vittoria che non è arrivata, molte le azioni create ma non finalizzate, quando centravano lo specchio della porta ci pensava il numero uno Pelleriti (il miglior in campo) a negare la gioia del gol: nei primi 45’ su due conclusioni di Belfiore, poi su colpo di  testa di Longo con deviazione sopra la traversa. Ancora protagonista nella ripresa il portiere barcellonese che si oppone per ben due volte su tiri di Nunnari, poi il palo dà una mano all’Or.sa su tiro di Belfiore ad inizio ripresa.

Real Rometta – Messana (1-1):  Un gol per tempo decidono la gara tra il Real Rometta che si vede sfuggire la vittoria a 10’ dalla fine e la Messana che ha giocato dal 30’ del primo tempo in superiorità numerica (espulso Fleres) pareggio con una magistrale punizione di Luca Siano. Una gara combattuta che si sblocca alla mezz’ora con un rasoterra in diagonale di Milici supera Papale.  La  reazione della Messana si fa subito sentire prima del riposo con Coppolino e nella ripresa sempre con lo stesso giocatore sciupano due ottime occasioni per ristabilire la parità che poi arriva grazie all’intuzione di Luca Siano su calcio di punizione a 10’ dalla fine.

Gescal – Ramet (1-1): Un rigore a tempo scaduto realizzato da Fabrizio Giordano evita la sconfitta al Gescal sotto di una rete sul terreno amico contro il Ramet che si era portato in vantaggio all’81’ con un tiro dalla distanza di Mangano con la sfera che si insacca nell’angolino basso alla destra di Ferraro. In pieno recupero il sempre verde Fabrizio Giordano dal dischetto consegna il primo punto stagionale ai padroni di casa.