La “sirena” della panchina porta Carmelo Di Bella alle dimissioni da Team Manager delll’Antillese.

Arrivano a sorpresa le dimissioni del Team Manager dell’Antillese Carmelo Di Bella. La motivazione? “in un momento particolare della stagione – ci ha dichiarato Carmelo Di Bella – ho ricevuto alcune offerte per ritornare in panchina….dopo una riflessione, ho ritenuto opportuno di prendere nuovamente in considerazione la mia passione che è quella di allenatore, nulla contro l’Antillese, solo una scelta professionale”. La domanda sorge spontanea: il nome della squadra? “ Sorriso……..top secret, fra qualche giorno …..!!!”.
Quindi si conclude dopo qualche mese il rapporto calcistico tra Carmelo Di Bella che nella stagione sportiva 2013-14 aveva portato la squadra del Presidente – Guglielmo Mastroeni – dalla Terza alla Seconda Categoria. Nell’ultima stagione una pausa di riflessione, ma sempre attento alle vicende del calcio della riviera jonica.
Lontano dalla panchina, i primi maggio Carmelo Di Bella accetta il nuovo ruolo che gli propone l’Antillese, quella di entrare nella dirigenza con il ruolo di Team Manager. La sua prima scelta è stata quella dell’allenatore Giancarlo Miuccio, insieme subito al lavoro per allestire una compagine competitiva per il campionato di Seconda Categoria, stagione che coincide con i 20 anni di attività della Società guidata dal Presidente Guglielmo Mastroeni.
Quando le sirene di un suo ritorno in panchina, il suo vero amore, passione iniziata allenando il settore giovanile dello Sportinsieme disputando diversi campionati regionali con ottimi risultati, poi la svolta due anni orsono, sulla panchina dell’Antillese alla prima esperienza, arriva subito la vittoria del campionato, con numeri da record.
L’altra mattina il telefono ha squillato per Carmelo Di Bella che non ha resistito alla “sirena” della panchina, meglio il campo che dietro la scrivania nel ruolo di dirigente.