2^ Cat. -Val di Nisi in un solo colpo perde imbattibilità e primato: grazie all’Akron Savoca. Linguaglossa nuova capolista.

La tredicesima giornata del campionato di Seconda Categoria è stata fatale al Val di Nisi che in un colpo solo perde l’imbattibilità ed il primato in classifica: ad infliggere il doppio colpo è stato l’Akron Savoca che si aggiudica la gara di ritorno con un secco 3-2. La nuova capolista è il Linguaglossa, che dice grazie a Cannata e compagni che hanno frenato il cammino della formazione allenata da mister Perrone che consente agli etnei vittoriosi in pieno recupero nella gara casalinga con l’Agostiniana il sorpasso.

Dopo 13 turni cambia la gerarchia del campionato con il Linguaglossa, dopo aver perso con l’Akron Savoca ha collezionato quattro vittorie e un pareggio, 13 punti su 15 a disposizione, risultato che ha consentito il sorpasso al Val di Nisi per la prima volta non più leader. L’impresa della giornata: l’Akron Savoca che ha sfruttato ampiamente il turno casalingo, tre punti pesanti per l’ambizione dei savocesi che hanno iniziato con il piede giusto il 2016 due vittorie su due che consente alla squadra del Presidente – Massimo Santoro –  di accorciare le distanze dalla vetta.

Una giornata non favorevole per il Piedimonte fermato in casa dall’Atletico Taormina (2-2) che perde contatto dalla terza posizione -2 dall’Akron, un punto importante per gli ospiti in tema play-off. Stesso dicasi per il Mandanici, vittorioso sul campo dell’Antillese per non perdere contatto dalle posizioni che contano.

Le gare: La copertina va senz’altro al big-match della seconda giornata di ritorno, in quel di Rina la prima della classe e la terza forza del campionato: gara vibrante, giocata ottimamente dalle due formazioni con una cornice di pubblico da categoria superiore. Alla fine ha prevalso la maggior determinazione e grinta dei savocesi che sbloccano il risultato sugli sviluppi di un calcio piazzato calciato da Matthias Puglisi che mette al centro, con Sturiale che non trattiene la sfera, tap-in vincente di Dario Cannata per il 1-0 savocese.

Come è successo spesso in questo torneo, l’Akron ancora una volta è incapace di gestire il vantaggio, infatti, passano poco meno di cinque minuti che arriva il pareggio della capolista con un determinato Agatino Riposo la sua zampata in mischia risulta vincente. Prima dell’intervallo, i padroni di casa si riportano in vantaggio: punizione magistrale di Cutroneo per l’incornata vincente di Puglisi che fa esplodere il Comunale di Rina.
Nella ripresa, il tema tattico Val di Nisi in avanti, ma rischia il contropiede dell’Akron che allunga le distanze al 70’ grazie alla combinazione del duo Cannata perfetto assist-man e il capitano Matthias Puglisi che fa esplodere il suo sinistro con la sfera che gonfia l’angolino sinistro della porta di Sturiale. Questa la sintesi della gara, per il resto da evidenziare il “fuori programma” che certo non fa bene al calcio, ma soprattutto tra persone che si conoscono certi atteggiamenti non devono verificarsi. Un’onta che certamente non fa onore ai 22 protagonisti in campo comprese le panchine. Poi arriva il gol nel finale di Ivan Briguglio per il 3-2 finale.

Nella giornata di sabato in campo la neo capolista Linguaglossa conquista la vittoria solo al 94’ sull’Agostiniana capace per ben due volte di riacciuffare il pareggio, poi castigata dall’ex di turno Marco Calì autore di una doppietta: da vecchio marpione dell’area di rigore, l’attaccante di casa sfrutta abilmente dopo 3’ una disattenzione della retroguardia forzese, il secondo gol (il 198 della carriera) lo mette a segno al 94’ sul punteggio di 2-2: deviando in porta un tiro di Patanè. L’Agostiniana pareggia la prima volta al 20’ sugli sviluppi di un corner con zampata vincente del difensore Giuseppe Muscolino, dopo la rete di Bonaventura nel finale del primo tempo lesto a respingere in rete una corta respinta di Carrolo, arriva il secondo pareggio al 55’  su perfetta punizione di Lo Conti.

Il Mandanici vince sul campo insidioso dell’Antillese grazie ad un gol di Cutroneo su calcio di punizione dopo cinque minuti. Gara in discesa per gli ospiti che raddoppiano nella ripresa con il jolly-bomber Salvuccio Pino, si trova al posto giusto per toccare magistralmente la sfera che diventa una parabola imparabile per l’esperto Vittorio che si deve inchinare per la seconda volta. Il secondo gol subito, sveglia l’Antillese che reclamo due calci di rigore ai danni di Cannata, non fischiati dal direttore di gara. Il gol Antillese arriva con una conclusione di Restifo per il 2-1 finale.

Parità ricca di gol quella tra il Piedimonte e Atletico Taormina, con i taorminesi capaci di rimontare lo svantaggio. Il Piedimonte passa  in vantaggio con un gol del solito Pagano a metà del primo tempo, il raddoppio arriva ad inizio ripresa con Joric, sembrava fatta per gli etnei, ma la reazione della squadra taorminese arriva prima con Parisi e poi con un colpo di testa vincente di Francesco Lo Turco.

di “Mimmo Muscolino”