La Jonica sfiora la vittoria con Cambria. Alla fine 0-0 con la capolista Città di S.Agata.

Una buona Jonica frena il cammino della capolista Città di S. Agata arrivata al Comunale di Bucalo con due sconfitte consecutive alle spalle, idem anche per i padroni di casa che non vincono dal lontano 22 Novembre (4-0 al Mistretta), poi tre sconfitte e un pareggio.

Queste le premesse di una gara valevole per la seconda giornata di ritorno del campionato di Promozione con le due squadre intenzionate a riprendere la via del successo, per il Città di S. Agata per confermarsi al comando, per i ragazzi di mister Mimmo Moschella tre punti fondamentali per risalire la classifica, ma soprattutto brindare al primo successo del 2016 sul proprio campo nella gara dove dopo diversi mesi sono stati riaperte le gradinate off-limits per i tifosi per inagibilità. Alla fine un pareggio ad occhiali che muove la classifica ma non accontenta nessuno.
La gara: La Jonica affronta la prima della classe con determinazione, senza alcun timore facendo la propria gara, mettendo in più di una occasione in difficoltà la compagine di Cambria scesa in campo senza gli squalificati Aiello e Gennaro e l’infortunato Michele Carrello.

E’ la Jonica che parte con il piede giusto dopo il fischio d’inizio, la prima azione pericolosa al 5’ con il neo acquisto Francesco Maggioloti (al debutto casalingo) dal vertice dell’area piccola conclude a rete, ma il suo diagonale fa gridare al gol, ma termine di poco fuori dalla porta di Caserta. La risposta dei tirrenici arriva su palla inattiva di G. Bontempo di poco sopra la traversa. La Jonica ben messa in campo da mister Mimmo Moschella si rende nuovamente pericolosa al 18’ quando Smiroldo favorito da un rimpallo ha sui piedi il pallone del vantaggio, il suo tiro forte è preciso viene deviato in angolo da Caserta.

La Jonica si rende pericolosa su azioni manovrate, gli ospiti si fanno vivi su calci piazzati come al 22’ sempre con G. Bontempo con il giovane Gugliotta alza sopra la traversa. Al 28’ la Jonica fallisce una ghiotta occasione per portarsi in vantaggio: errata ripartenza degli ospiti nella zona nevralgica del centrocampo, che mette in moto con rapidità l’azione dei padroni di casa che portano al tiro il giovane Marchiafava che trova la respinta del portiere ospite Caserta, sulla respinta arriva come un falco Roberto Cambria che tira a colpo sicuro, sulla linea salva F. Bontempo.

La Jonica c’è, sente il momento favorevole: al 32’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo il colpo di testa di Sanfilippo (nella foto) fa gridare al gol. Prima dell’intervallo si fanno vivi gli ospiti con Zingales il cui tiro-cross chiama in causa l’attento Gugliotta.

Nella ripresa il tema tattico, non muta, anche se la capolista sembra aver un passo diverso rispetto alla prima frazione, l’innesto di La Rosa dà più manovra agli ospiti, ma non riescono a superare in maniera pericolosa la cerniera del centrocampo.

La Jonica rischia in due solo circostanze: all’85’ su tiro da lontano di Carrello con Gugliotta di pugno respinge la minaccia e nelle battute finali Zingales dalla bandierina scodella sul secondo palo per la testa di Di Napoli che manda alle stelle.

Puntuale il triplice fischio finale che sancisce la divisione della posta in palio che ha visto un’ottima Jonica che certamente non ha demeritato di fronte la capolista che con il punto conquistato sul terreno di Bucalo conserva il primato in classifica +1 sul Torregrotta vittorioso (5-2) sull’Iniziativa. Per la Jonica un buon punto, con un pizzico di fortuna la vittoria sarebbe stata meritata.