1^ Cat. – Una doppietta di Varrica consente al Giardini di espugnare il fortino di Francavilla. La Russo rovina la festa al Calatabiano. Sconfitta per S. Alessio e Robur.

Era tutto pronto per festeggiare il salto di categoria il Calatabiano, sconfitto in casa:  un gol dopo 5’ dall’inizio di Messina, la Russo Calcio rovina la festa alla capolista del Girone E del campionato di Prima Categoria, giunto alla 10^ di ritorno.
Una giornata che ha visto la sorpresa del Ciclope Bronte che si fa imbrigliare (0-0)  fra le mura amiche nel derby etneo dal Randazzo che fa scivolare la squadra di casa in quarta posizione (45).   Il Milo passa sul campo dell’Aci S. Filippo alla ricerca di punti salvezza, una vittoria che li proietta in seconda posizione in coabitazione con i giardinesi , la squadra di casa.
Con uno strepitoso Varrica, il Giardini Naxos riconquista la seconda posizione, vincendo il derby sul difficile campo dell’Atletico Francavilla. Si decide tutto nella prima frazione di gara: al 33’ Silvestro atterra Ardizzone, per il direttore di gara è rigore (non sono dello stesso avviso i padroni di casa), dal dischetto realizza Cristian Varrica che concede il bis con un gol da cineteca su calcio di punizione al 36’. Brutto colpo per i ragazzi di mister Santoro che reagiscono, ma solo al 86’ hanno l’opportunità di riaprire la gara quando l’arbitro concede il calcio di rigore per un presunto fallo di mano sugli sviluppi di un calcio di punizione calciato da Santoro.
Dagli undici metri si presenta Bonaccorso che si fa parare la trasformazione dall’attento Vita. Un 2-0 finale, con le due squadre che chiudono la gara in dieci per l’espulsione di Santoro e Zagami, importante per i giardinesi in lotta per la seconda posizione, per i padroni di casa alla loro seconda sconfitta casalinga, perdono la possibilità di potersi inserire nella lotta per il quinto posto.
Nell’anticipo di sabato, il S. Alessio ritorna con una sconfitta dalla trasferta dal campo dell’Aciplatani che si aggiudica lo scontro salvezza con un secco  3-1 maturato soprattutto nella ripresa. Nemmeno il tempo di prendere le misure che i padroni di casa sbloccano il risultato, grazie alla concessione di un calcio di rigore trasformato da Falsaperla. Dopo due minuti, si mette subito in salita la gara per i ragazzi di mister Peppe Mancuso che prima dell’intervallo con D’Amico riacciuffano il pareggio. Nella ripresa le due squadre si danno battaglia, a spezzare l’equilibrio ci pensa Leonardi al 70’, lo stesso giocatore di casa chiude la contesa al 77’ con un contropiede vincente. Il S. Alessio ha retto fino  a quando ha avuto benzina nelle gambe e con gli uomini contati, alla fine si è dovuto arrendere.
Nulla  da fare per la Robur in cerca di punti salvezza sul campo del Real Adrano a sua volta impegnato nella lotta play-off. I ragazzi di mister Roberto Merlino resistono fino all’83’ quando Corvasce finalizza in rete una azione corale della squadra. Brutto colpo per la Robur a sette minuti dalla fine, quando pensava di strappare un prezioso punto per la salvezza, la reazione ospite viene sopita definitamente a tre minuti dalla fine da una ripartenza dei locali con Sergi che mette al sicuro il risultato per il Real Adrano che vale il quinto posto in classifica (38). Per la Robur, un risultato che non fa migliorare la precaria classifica che vede al momento in zona rossa  i ragazzi del Presidente – Carmelino Laganà.