Nonostante la sconfitta l’F24 Messina a testa alta con la capolista Libertas Real Aci.

La sconfitta di misura (1-0) contro la capolista Libertas Real Aci non ha scalfito il morale dell’F24 Messina, artefice, nonostante diverse assenze (Fabrizio Ardizzone, Mario Bertuccelli, Rosario Rizzo e Daniele Pantano), di una buona prestazione contro un avversario quotato ed ambizioso.
Nella quinta giornata del campionato di Prima Categoria (girone D), ai ragazzi allenati da Mariano Beninato è mancata soltanto la finalizzazione. Al primo affondo, ospiti in vantaggio, al “Marullo” di Bisconte, grazie ad un forte diagonale scagliato da Costanzo. Orgogliosa è stata la reazione dei peloritani, che hanno impegnano in più occasioni il bravo estremo difensore acese, soprattutto con le insidiose punizioni di Beniamino Aloisi.
Nella ripresa, ancora Aloisi e Piero Coppolino hanno sfiorato quello che sarebbe stato un meritato pareggio, mentre, nel recupero, la sfera calciata da Francesco D’Agostino a colpo sicuro è stata deviata a lato. Giustificato, quindi, il rammarico per il mancato risultato positivo espresso dal portiere Davide Parisi: “E’ stato davvero un peccato non aver mosso la classifica. Ci è mancato unicamente il gol. Ci abbiamo provato in tutti i modi, persino io ho cercato di segnare ma non ci sono riuscito. Non è bastato impegnarci, quindi, al massimo contro la formazione che è in testa a punteggio pieno perché loro sono andati a segno e noi no”.
State dando spazio a diversi giovani interessanti: “In organico ci sono dei ragazzi validi, come conferma il fatto che schieriamo costantemente due o tre Juniores nonostante l’obbligo sia di uno soltanto”.
Qual è il vostro obiettivo stagionale? “Salvarci senza patemi, poi raggiunto questo traguardo potremo toglierci altre soddisfazioni”.
Sabato Aiello e compagni renderanno visita, infine, al Piedimonte Etneo, terza forza del torneo e reduce dal successo esterno con il Sant’Alessio (2-4).