Esame di maturità superato per la Jonica a Terme Vigliatore. Brillante vittoria della Tirrenia. Manita del Giardini.

Un altro durissimo esame superato alla grande dalla Jonica. Un altro brillante successo esterno per la Tirrenia. Seconda di ritorno con tante conferme in un campionato che inizia ad entrare nel vivo.
Nel Girone C, il big-match si è chiuso con un pari, con un gol per parte, ma tante “nefandezze” della terna arbitrale. La Jonica era andata in vantaggio con un gol molto dubbio (la sfera ha superato la linea bianca?) e il Terme Vigliatore ha pareggiato con un penalty molto dubbio. Dunque, pari e patta e questo risultato conferma che la Jonica è una grandissima squadra ed ha conservato l’imbattibilità, ha confermato la solidità del proprio collettivo e la personalità di un undici brillante e guidato egregiamente da Moschella.
Per il Terme, l’amarezza di aver perso la piazza d’onore, ma il bicchiere è mezzo pieno. E in seconda posizione si sistema una brillante Tirrenia che espugna Aci S. Antonio col minimo scarto, ma sono tre punti di platino. La formazione di Bitto ha recuperato due punti alla Jonica e la lotta si fa sempre più interessante.
Sugli altri campi, non riesce al Torregrotta il bis e la squadra di Borelli deve accontentarsi di un pari casalingo contro il Trecastagni. Il Messina Sud cede in casa nettamente al Mascalucia e, finalmente, torna a sorridere la Messana che spezza la lunghissima serie di sconfitte (ben 7), ritrovando il successo, il sorriso e i tre punti ai danni del Fiumefreddo e i messinesi di Lucà si portano a +7 sulla zona playout.
Un Giardini a briglie sciolte e scatenato ha travolto il Merì in un match mai iniziato. Gli ionici di Brunetto hanno vinto agevolmente con una “manita” di reti, a dimostrazione che Varrica e soci credono ancora in uno dei primi cinque posti. È andato al Real Rometta il derby contro il Gescal, con l’undici di Giunta che si rilancia e si allontana dalle zone “minate”, anche se non bisogna abbassare la guardia ed è un successo tonificante in vista del match di Coppa Italia di domani a Racalmuto.
In classifica, dunque, la capolista Jonica vanta +3 sulla Tirrenia e mantiene il +5 sul Terme Vigliatore. In fondo, sembrerebbe spacciato il Messina Sud (15 sconfitte in 17 gare) e, poi, è sfida aperta e lotta intensa per evitare il playout tra Merì, Torregrotta, Trecastagni e Real Rometta.