B/1 – Buio totale in terra campana per la Finchiara S. Teresa: vince 3-0 la Fiamma Torrese.

Scende il buio fitto in questo finale di girone D Fipav del campionato di Volley Femminile B1 per la compagine Santateresina del Finchiara. La temibile trasferta di Torre Annunziata si è palesata in tutta la sua difficoltà: troppo bene messe in campo da coach Adelaide Salerno, e concentratissime in tutti i fondamentali.
Pochi errori, percentuali alte di attacco e contrattacco e per le ospiti messinesi non vi è stato granchè da fare, se non tentare di scrivere che nel terzo set le santateresine hanno provato a frapporre un po’ di resistenza alla cavalcata campana. Le percentuali dei fondamentali, analizzando anche le statistiche di gioco della performance, vedono al lumicino gli standard espressi di solito dalle atlete finchiarine, servizio che non graffia, qualche errore di troppo, gambine e braccine non in tensione o comunque non nella tensione che meritava un match come questo.
Generosa “Red” Fizzotti e la solita Mordecchi in regia, brutta caduta nello score di Benny Marcone, soli dieci punti in due per le sorelle Asunsao, appannata Peonia sebbene meglio di sette giorni fa contro Cerignola. Troppo poco per le agguerrite Fiammette di Torre Annunziata, ciniche in praticamente tutti i frangenti-clou dei tre set. Registro comunque Mazzulla e Casale sugli scudi, malgrado tutto e nello sconforto generale, inchiodate con i denti alla maglietta delle “tigri volanti”, lacera e sicuramente da ricucire in attesa di tempi migliori, e nuova, cocente delusione per Coach Jimenez.
Ora un turno di riposo, che equivale ad una settimana in più per girare la boa e vedere finalmente di che pasta è fatta questa squadra che diverse volte ha avuto il bandolo e la concomitanza di eventi tali da proiettarsi a piè pari a metà classifica e oltre: la rincorsa a questo “derby di aggancio” con le migliori, di cui Fiamma torrese era il fanalino di fine corteo, come detto, poteva presentarsi anche con 4-6 punti in più, dato che Isernia e Cerignola non erano preventivate come un tie break perso ed uno vinto!
Quindi, con diverso approccio mentale da ambedue i punti di vista…; e poi verso inizio girone possibilmente le partite da vincere sono state affrontate spesso fuori casa e con una squadra visibilmente incompleta al centro con panchina cortissima e rincalzi presi tra le ragazzine del vivaio.
Qualche altra vicissitudine, ha poi determinato l’attuale posto in classifica. Inutile recriminare sul latte versato, e sui punti persi, e da Febbraio, via ad una risalita a cui la Società crede e che non sembra impossibile.
Post-gara con Pippo Staiti, 2ndo Coach: “Niente da dire…abbiamo giocato male, sulle gambe, nella testa. Poco attente a provare a fare quello che ci eravamo preparate per fare. E quando non ti riescono le cose poi arriva la paura. Ora occorre chiudersi a riccio e ritrovare il bandolo di una matassa…. che il bandolo ce l’ha.
“Sara Casale: “Le aspettative e tutti i buoni propositi sono stati ‘abbattuti’ da una Fiamma Torrese impeccabile in tutti i fondamentali mentre noi abbiamo dimostrato di essere poco efficaci sia dal punto di vista offensivo che difensivo”.
Benny Marcone: “..anche se abbiamo lavorato tanto in settimana non siamo riuscite a esprimere il nostro gioco e ci siamo fatte prevaricare dalle avversarie. Personalmente ho fatto una non buona prestazione, quindi non sono riuscito a dare il mio contributo, ma Nelly Mazzulla non si è fatta trovare certo impreparata”.
CMO FIAMMA TORRESE: Moretti 1 (L), De Siano 10, Midriano, Maresca 11, Collaruso, Lauro 7, Giacomelli 19, Angelelli 4, Di Nicuolo 8. Coach Adelaide Salerno
FINCHIARA SANTA TERESA VOLLEY: Fizzotti (L), Ascensao Marlene 6, Mordecchi 3, Mazzulla 3, Casale 5, Marcone 7, Peonia 6, Ascensao Raquel 5. Coach Antonio Jimenes Armas, Staiti Giuseppe