B/1 – Super Mordecchi, Sanitaria Si.Com Prestasì Santa Teresa – Assitec 2000 Sant’Elia 3-0

“GOD FORGIVES, MORDECCHI DOESN’T”, così avrebbero titolato i tabloid inglesi se presenti alla partita di quest’ oggi al Palabucalo che ha visto le locali del SantaTeresa Volley superare con un non agevole 3-0 le laziali del Sant’Elia Fiumerapido.
Due set equilibratissimi i primi due nei quali nei momenti cruciali è stata proprio la palleggiatrice romana a togliere le castagne dal fuoco con ace in sequenza al servizio coadiuvata da una sempre costante e preziosa Monica Lestini. Gara più complicata del previsto con le ospiti che hanno messo in mostra belle individualità, in primis l’opposta Botarelli per lunghi tratti devastante, oltra a ben difendere e ben servire specie nei primi due set.
I due sestetti: Mister Jimenez ha schierato le sue con Mordecchi in cabina di regia e Marcela Nielsen opposta, Lestini P1 e Santin P4, Cassone e Marlene Ascensao al centro e Silvia Lanzi libero. Dal canto suo Luca D’Amico rispondeva con capitan Leo Gatto in palleggio e Botarelli opposta, Murri e Afeltra centrali, Giglio e Iannone di banda con Zannoni libero.
Primo set a due facce: avvio di netta marca santateresina con parziali di 4-0 (ace Mordecchi, che costringe mister D’Amico al primo discrezionale) e poi anche 8-1 con un preciso attacco della Nielsen. Poi a poco a poco la rimonta delle ospiti. Sul 17-15 dopo due attacchi vincenti di Barbara Murri, Jimenez ricorre al suo secondo e ultimo timeout. Sorpasso delle ospiti con la Miceli (19-20) subentrata alla Iannone; in due murano la Lestini per un altro rischioso vantaggio esterno (21-22) e poi è solo Tres Jolie Mordecchi: parità con un tocco di prima intenzione dopo incredibile recupero delle ospiti su una conclusione della Cassone e poi tre ace consecutivi a disorientare il sestetto frusinate. Pubblico in visibilio.
Il secondo parziale è equilibratissimo: si viaggia punto a punto. Ripetuti tentativi di fuga delle ospiti sempre braccate dalle rosso-blu di casa finché una fast di Marlene non porta le locali avanti perfino sul 19-17. Le ospiti non ci stanno e infilano cinque punti consecutivi con Federica Giglio al servizio. Ma le locali non sono da meno e ne infilano sei di seguito fissando il parziale sul 25-22: fast della Cassone, un quarto tocco difensivo, due ace della Mordecchi e due mani fuori su attacchi di “libellula” Lestini. Ancora protagoniste nel momento cruciale dell’incontro la palleggiatrice romana e la spoltorese.
Il terzo set, sia pur caratterizzato da un avvio equilibrato non ha denotato tuttavia per le locali gli stessi patemi delle prime due frazioni. Parità fino al 14-14, poi è solo Santa Teresa che prende il largo grazie anche ad errori in fase di attacco di Botarelli, Miceli e Murri oltre a qualche doppia in palleggio; dopo un ace di Murri (20-17) il finale è tutto di marca locale con un ace anche della Santin e trittico finale della preziosissima Lestini per il conclusivo 25-17.
Vittoria doveva essere e vittoria è stata ma quanti patemi nel corso dei primi due set! Il Sant’Elia si è dimostrata squadra di tutto rispetto, difficile da superare, un osso duro da affrontare per tutte. Quanto alle locali, rispetto alle precedenti gare casalinghe è parso che la Mordecchi abbia più cercato le bande e meno le conclusioni dal centro distribuendo il gioco in modo meno variegato del solito: Poche anche le conclusioni dalla seconda linea.
Da segnalare anche tre incredibili salvataggi difensivi della Lanzi (due col braccio sinistro teso in tuffo). In doppia cifra Nielsen, Lestini e un’impagabile Giulia Mordecchi per le locali, e la centrale Murri e per The Rock Irene Botarelli (best scorer di giornata) per le laziali.
Sanitaria Si.Com Prestasì: Surace, Monzio Compagnoni, Santin 9, Marlene Ascensao 6, Mordecchi 10, Ghezzi, Lestini 11, Cassone 4, Nielsen 11, Lanzi (L), Moschella (L2), Raquel Ascensao. All: Jimenez
Assitec 2000 Sant’Elia: Murri 10, Iannone 1, De Carolis, D’Arco, Michelini, Gatto 3, Miceli 4, Botarelli 14, Giglio 4, Olleia, Afeltra 4, Zannoni (L). All: D’Amico
Arbitri: 1° Notarstefano da Sommatino e Emma da Pietraperzia.