B/1 – La Savam Letojanni chiude il 2018 con una vittoria: 3-1 al Pozzallo.

Tutto come da programma. Anche se con qualche difficoltà nel terzo set, perso malamente per 25 a 18, la Savam Costruzioni Volley Letojanni è ritornata alla vittoria, dopo la sconfitta di Palmi al tie-break della scorsa settimana. E lo ha fatto contro un sestetto ben organizzato e che ha messo in campo tutta la determinazione necessaria, lasciando però l’intera posta in palio alla squadra locale.
Un successo per 3 a 1, quello ottenuto ieri pomeriggio, al Pala “Letterio Barca”, contro il Pozzallo di mister Bonaccorso che premia Schifilliti e compagni nonostante questi ultimi siano caduti per un tempo nella trappola ordita da Pappalardo e i suoi. Per il resto dominio quasi assoluto del Letojanni che, con questa affermazione, vola adesso a quota 23 punti in classifica, rimanendo incollata (assieme al Palmi che ha vinto contro il Fiumefreddo per 3 a 0) in seconda posizione alle spalle del Modica (prima a 24 punti), vittorioso 3 a 1 contro il Partanna.
Una graduatoria dunque invariata, con l’Universal Catania che, dopo aver perso 3 a 1 contro il fanalino di coda Gupe Battiati, si vede adesso risucchiata in quinta posizione, a quota 17 punti, così come il Palermo. Guardare la classifica per ora non è comunque una priorità, visto che alla fine del campionato mancano ancora tutte le gare del girone di ritorno più l’ultima dell’andata che la Savam giocherà il 5 gennaio, a Fiumefreddo di Sicilia, contro il Papyro. Una gara da prendere assolutamente con le pinze e che dovrà essere disputata con la mente sgombra da qualsiasi assillo, come quella di ieri iniziata sotto i migliori auspici.
Primo Set: Il Letojanni partiva infatti molto forte e, grazie all’apporto superlativo delle due bande Boscaini e Bonsignore, scavava sin da subito un solco di ben 4 lunghezze, arrivando prima sul 5 a 1 e poi sul 9 a 5, complice un ace di Bertone schierato al posto del centrale D’Andrea. Gli iblei invece dimostravano di essere sotto pressione e non riuscivano a domare le scorribande di Saraceno (prima partita da titolare in casa per lui e 14 punti in totale), finendo così nella ragnatela locale.
I padroni di casa continuavano a giocare da squadra, sbagliando poco in tutti fondamentali e andando sul 19 a 14 mentre gli ospiti non demordevano e tentavano l’aggancio che però non arrivava. In pochi secondi il Letojanni alzava il muro e colpiva nei punti più deboli degli avversari, giungendo sul 23 a 18, prima del 24 a 18 e del 25 a 19 grazie ad una schiacciata di Bonsignore e ad un  attacco di Bertone.
Secondo Set:Si andava al secondo set che iniziava con un cambio operato da Centonze: fuori il libero Ruggeri e dentro il suo sostituto naturale Andronico (buona la sua prova). Il Letojanni cominciava da subito a mettere giù palloni pesanti e andava via prima sul 6 a 2 e poi sull’11 a 6. Gli ospiti sbagliavano molto a servizio e concedevano ampi spazi dove si innestavano i siluri di Saraceno, Bonsignore e Boscaini, mentre al centro ci pensavano Fasanaro e Bertone a fare la differenza. I locali giungevano così sul 17 a 13 e poi sul 20 a 16, proprio quando Centonze decideva di inserire il secondo palleggiatore Tomasello al posto del titolare Schifilliti. E cambiando l’ordine dei fattori il risultato non mutava, visto che gli jonici segnavano il 22 a 17 e poi, grazie ad un attacco di Bertone e a due servizi errati del Pozzallo, facevano loro il secondo parziale per 25 a 21.
Terzo Set: Di marca assolutamente ragusana il terzo set che iniziava con il Pozzallo che partiva forte, andando prima sul 6 a 2 e poi sul 14 a 9, complici errori a ripetizione della Savam in fase di costruzione e di difesa. Gli ospiti sembravano rinati e continuavano ad andare forte con Pappalardo e con Corso (26 punti totali messi a segno nel corso di tutta la partita), giungendo sul 18 a 11 e poi sul 22 a 14, prima del definitivo 25 a 18 con servizio errato della Savam.
Quarto Set: Doccia fredda per il Letojanni e squadre al quarto set che cominciava con un punto a punto almeno fino al 3 pari, quando i ragazzi di Bonaccorso alzavano la testa e passavano sul 6 a 3. Squillo di tromba per Centonze che gettava nella mischia D’Andrea per Fasanaro e richiamava in campo Schifilliti. Da qui in poi le cose cambiavano: il sestetto locale riusciva ad agganciare gli avversari sul 9 pari e poi sul 12 a 12, superandoli sul 16 a 13 grazie agli attacchi dei soliti Boscaini e Bonsignore.
Questi ultimi (35 punti in due) alzavano il ritmo, ricevendo e attaccando al meglio sulla prima e seconda linea. Risultato: 18 a 14 e Pozzallo quasi al collasso, visto che sempre Boscaini faceva 23 a 19, prima di un attacco sbagliato degli ospiti e del punto decisivo di D’Andrea, ovvero quello del 25 a 19.
Vittoria importante e soprattutto meritata al di là del calo d’attenzione registratosi nel terzo parziale. Per il resto nulla da dire, ma contro il Fiumefreddo fuori casa non ci sarà il pubblico amico. E in quel caso sarà vietato perdersi in un bicchiere d’acqua.
SAVAM COSTRUZIONI VOLLEY LETOJANNI: Schifilliti 2, D’Andrea 2, Ruggeri L1, Andronico L2, Saraceno 14, Fasanaro 5, Bertone 8, Bonsignore 15, Boscaini 20, Tomasello. N.e. Alderuccio, Mastronardo. ALL.: Centonze
HERING VOLLEY POZZALLO: Pappalardo 5, Utro L1, Bocchieri 1, Corso 26, Hoxha 11, Bartoli 5, Vitanza 11, Puglisi 2, Giunta, Canto, Giudice. ALL.: Bonaccorso
SET: 25-19, 25-21, 18-25, 25-19
ARBITRI: Privitera e Grasso di Siracusa