B/2 – La Planet Pedara fa soffrire l’Amando Volley che porta a casa la vittoria, grazie alla determinazione e personalità.

La Planet Strano Light onora l’impegno di fronte al capolista Amando Volley S.Teresa. Vince 3-1 a Pedara l’attuale capolista del girone I di Serie B2 dopo 20 giornate, le etnee si sono battute con coraggio e determinazione tanto da prendere subito in mano le redini della gara e passare in vantaggio grazie ad una prova maiuscola offerta nel primo set.
Poi la gara è in mano alle ragazze di mister Roberto Scala che hanno trionfato mettendo sul parquet etneo degli ingredienti vitali per il risultato finale: sofferenza, dolore , determinazione,  coraggio che ha portato alla rimonta e infine personalità e classe, nell’intermezzo di tutto questo la tegola dell’infortunio al ginocchio, nel secondo parziale con l’Amando sotto di un set, di Alessandra Marino, nonostante la sofferenza dalla panchina ha incitato le compagne a non mollare.
I due sestetti: Roberto Scala partiva con Agostinetto in regia e Bertiglia opposto, Mercieca e Richiusa centrali, Marino e Rania schiacciatrici con Foscari libero. Coach Francesco Andaloro rispondeva con Perticone al palleggio e Bellapianta opposto ricettore, Rapisarda e Boffi in posto quattro, Asero e De Luca centrali con Bonaccorso libero.
Primo Set: Inizio punto a punto con l’Amando che allunga fino al 6-9. Recupera Pedara che pareggia i conti sul 15 pari. Andaloro chiama un discrezionale sul 16-17 e le sue giocatrici tornano trasformate. La palla delle santateresine non cade più giù. Scala cerca di rimediare chiamando time out (19-17), ma il set prende una brutta piega con qualche passaggio a vuoto in alcune rotazioni. Chiusura sul 25-20 per Pedara.
Secondo parziale che inizia sempre in equilibrio. Sul 3-5 il grido di dolore di Alessandra Marino, gela il palazzetto dello sport, che piomba in un silenzio surreale, visto anche l’infortunio di fine 2017 che la stessa ragazza aveva subito quando giocava alla Kondor. L’intervento dello staff medico, l’uscita dal campo fra le lacrime della ragazza. Gli esami a cui verrà sottoposta nei prossimi giorni sveleranno l’entità del danno subito. Auguri Uragano.
Entra Sara Casale, e quando tutti si aspettavano un crollo emotivo delle Aquile, esce fuori il carattere di Rania e compagne, incitate dalla stessa Alessandra rimasta a bordo campo.  Andaloro corre due volte ai ripari (4-7 e 14-18), ma con 2 turni lunghi in battuta di Bertiglia e Casale la capolista chiude il set sul 15-25. Da segnalare che nel corso del set Scala avvicenda Foscari con Grillo che non lascerà il campo fino alla fine.
Terzo set con le ospiti subito a spingere (0-5) fino al primo time out Pedara (4-10). Piccoli tentativi di rimonta delle ragazze locali, con Bellapianta e Rapisarda in buona serata, ma l’Amando mantiene le distanze per una comoda chiusura sul 20-25.
Quarto ed ultimo parziale che inizia con Pedara avanti e Scala costretto a ricorrere al discrezionale sul 7-4. Le indicazioni del tecnico portano buoni frutti e con una sontuosa Agostinetto, autrice di 10 punti fra muri e tocchi in attacco, la Farmacia Schultze- Villa Zuccaro porta a casa parziale (16-25) e tre punti d’oro.
Vince la capolista Amando Volley che porta a casa tre punti importanti per mantenere a debita distanza le dirette rivali dell’Aragona (-3), per la formazione di casa un’ottima gara con la certezza ormai della permanenza in B2, adesso per gli etnei il 30 Marzo sempre in casa arriva l’Aragona.
Per gli oltre cento tifosi al seguito è una liberazione, dopo aver visto i fantasmi. Sicuramente non è stata una delle partite migliori per l’Amando, con una correlazione muro-difesa non sempre perfetta, ma va dato atto alle avversarie di aver difeso e contrattaccato con grande determinazione. Note positive sono giunte dai “pseudo” rincalzi, che chiamate alle armi, hanno risposto presente.
Post-gara con coach Francesco Andaloro (Planet): “Al di là del risultato, un plauso a questa squadra per come ha disputato il match.  Non era semplice mettere in difficoltà la capolista. Abbiamo trascorso una settimana serena, finalmente sul parquet ho potuto schierare una formazione collaudata grazie all’arruolabilità di tutte (ad eccezione dell’infortunata Polito).
Ancora una volta – continua coach Andaloro –  in positivo le prestazioni delle nostre Under 16, Virginia Pennisi e Alice Foti, che mostrano sempre più di essere integrate nel gruppo della maggiore squadra e confermano la volontà societaria nel puntare sui giovani del vivaio, come espresso dal Presidente Planet Giuliano Lombardo di cui ho apprezzato la soddisfazione per ciò che stiamo mettendo in pratica”.
Planet Strano Light   1    Amando Volley F. Schultze V. Zuccaro   3
Parziali Set: 25-20, 15-25, 20-25, 16-25
Planet: Bellapianta 14, De Luca 9, Asero 2, Perticone 1, Rapisarda 12, Boffi 6, Bonaccorso (L1). Giuffrida 2, Foti 1, Pennisi. Ne Faro, Viola (L2). All.: Francesco Andaloro.
Amando Volley: De Luca , Rania 12, Sturniolo, Casale 3, Mercieca 13, Agostinetto  10, Foscari L1, Siracusano, Richiusa 11, Grillo L2, Marino 5, Bertiglia 13. All: Roberto  Scala
Arbitri: Martorino e Angeloni di Siracusa.