B/2 – L’Amando Volley nella tana della Life Giarre dell’ex coach Piero Camiolo: ” nessun senso di rivincita…penso solo al Giarre”

Cresce vertiginosamente l’attesa per il big match che sabato vedrà impegnate le ragazze della Life Electronics Giarre al Pala Cannavò contro la capolista Santa Teresa di Riva. L’incontro, valevole per la 22esima giornata del campionato di serie B2 femminile, vanta una sfida nella sfida. Infatti sulla panchina della squadra giarrese siede da circa un mese coach Piero Camiolo, ex allenatore proprio della formazione jonica.
“Nessun senso di rivincita, nella maniera più assoluta – commenta coach Camiolo – io penso solo al Giarre, a conquistare i punti che ci possano permettere di arrivare ai playoff e al fatto che qualsiasi squadra avremo davanti daremo il massimo. A Santa Teresa sono stato bene, con persone qualificate e obiettivi di alto livello. Il roster è di qualità e lo dimostra il primo posto in classifica ma per me è già storia antica”.
Nato a Messina 56 anni fa, Camiolo vanta una carriera ultraventennale sui campi di pallavolo. Nei primi anni di attività, dovendo far conciliare gli impegni sportivi con quelli lavorativi, ha allenato esclusivamente squadre del Lazio con particolare attenzione anche ai settori giovanili. Di rilievo lo scudetto Under 17 vinto alla guida del Casal De Pazzi nel 2003. Il suo primo approdo in un campionato nazionale arriva la stagione successiva con la promozione ottenuta alla guida dell’Asp Civitavecchia. Volley Friends Roma in B1 (2013-2016), i perugini del San Giustino Volley (2016-2017) sempre in B1, Volley Cave (2017-2018) in B2 e nella prima parte di questa stagione appunto Santa Teresa di Riva prima dell’approdo nella società del duo presidenziale Contarino-Grasso.
“Qui ho trovato un gruppo fantastico – prosegue il coach – con voglia di lavorare, di fare, di lottare. Ragazze squisite con molta umiltà e su cui aleggia una bella armonia. Quando sono stato contattato mi avevano chiesto di fare un campionato dignitoso e adesso ci troviamo al terzo posto con piena soddisfazione. Se si può fare di più ben venga, già quest’anno durante i playoff o l’anno successivo tentando di raggiungere la terza serie nazionale. L’importante è far bene e avere una struttura strutturata”.
Esordio vincente contro l’avversario diretto Sifi Kondor (3-1), poi vittoria esterna contro Pizzo Calabro al tie break (2-3) e altri due successi pieni con Battipaglia (3-0) e Castellammare di Stabia (1-3). “Sono molto contento dei risultati che stiamo conquistando sul campo – conclude Camiolo – ma continuiamo a lavorare senza sosta per il playoff. Le partite che rimangono sono molto complicate perché non ci possiamo permettere il lusso di perdere nessun punto per strada almeno con Terrasini e Reghion. Il nostro margine di +4 sulla Kondor e +6 su Pizzo rimane ma le calabresi hanno un calendario più agevole da qui al termine del campionato. Il livello di questo girone è medio ma non significa che ci siano delle gare facili. Dobbiamo arrivare bene fisicamente a maggio, poi le motivazioni mentali per disputare un ottimo playoff le avremo”.