Il sogno diventa realtà, l’Akron Savoca “Under 15” nell’elite del calcio regionale.

Non so cosa sarà passato per la mente ad ognuno di loro, ben 34 i ragazzi tutti alla loro prima vittoria importante della loro giovane carriera, appena è arrivata l’ufficialità di aver vinto il campionato, riuscendo ad avere la meglio su Società blasonate (Sporting Taormina, Messina Soccer School e Giardini Naxos), con una tradizione calcistica a livello giovanile di alto contenuto tecnico, eppure ci sono riusciti lottando con grinta, determinazione, ma soprattutto tenendo in mente che non basta la tecnica, il colpo da campione per essere vincenti, a vincere è stato il gruppo, uno per tutti, tutti per uno, alla fine ha permesso di  staccare il biglietto per prendere il volo con un cin cin meritato per ritornare sulla pista, partiti dal campionato “Giovanissimi Provinciali” per atterrare in quello dei “Giovanissimi Regionali”, ovvero nell’elite del calcio siculo,  citiamo solo alcune squadre, Camaro, Jonica Riposto, Fc Messina, Academy Katanè,  non andiamo oltre, anzi stavo dimenticando, suppongono che i ragazzi già sognano il big-match con la blasonata Jonica Fc, fino a qualche settimana fa sembrava di un altro pianeta, adesso c’è la possibilità di giocare alla pari.

Stiamo parlando dell’Under 15 dell’Akron Savoca partecipante al Campionato Provinciale di Messina, in base alla posizione ottenuta prima del “lockdown” a causa del Covid19, ha acquisito il diritto di partecipare, il prossimo anno alla Categoria Giovanissimi Regionale, traguardo mai raggiunto dalla società savocese.

Il capitano Lorenzo Serri

Con la cristallizzazione della classifica l’Akron Savoca ha chiuso al primo posto con 21 punti, frutto di 6 vittorie, 3 pareggi e 1 sconfitta, 15 goal fatti e 6 subiti (miglior difesa del Girone B), altro dato statistico non ha mai perso in casa, questi i numeri dei ragazzi savocesi che hanno conquistato il primo posto che condividevano insieme (con 21 punti) con Sporting Taormina e Messina Soccer School, grazie agli scontri diretti contro le due blasonate Società, il primo squillo vincente alla prima giornata, grazie alla magistrale punizione di Lorenzo Serri con il Messina Soccer School battuto (1-0), al ritorno a Messina (2-2), il bis nella gara di ritorno con lo Sporting Taormina battuto al Comunale di Rina (1-0), sempre dal cecchino delle punizioni, ma anche bomber,  sua maestà Lorenzo Serri.

Un cammino vincente, una enorme soddisfazione per tutto l’ambiente Akron a partire dallo staff dirigenziale come il primo tifoso Antonino Muscolino, il sempre più appassionato Domenico Costa, i giovani Lorenzo Garufi, Claudio Alito, Antonio Alberti, Manuela Cacciola e Cinzia Saida che hanno sostenuto i ragazzi in questo percorso di crescita sportiva, senza perdere la base del progetto quello sociale.

Certo i protagonisti per il traguardo storico raggiunto sono i ragazzi, bravi a tramutare in campo il lavoro di una squadra di tecnici, ben assortita, preparata, esigente, con lo spirito giusto per trasmettere le nozioni non solo tecniche, ma anche psicologici e mentali, come non citare Alessandro Impellizzeri, Antonio Spadaro, Giovanni Sterrantino ed il preparatore dei portieri Giovanni Totaro che hanno collaborato ognuno nel proprio ruolo con mister Nico Rovito. Quindi possiamo dire con schiettezza, senza nessuna retorica che il vero motore, il successo raggiunto dell’Under 15, sono stati i ragazzi, atleti cresciuti nel vivaio della scuola calcio sotto le direttive del maestro Alessandro Moschella.

I protagonisti della storica promozione nel Campionato Giovanissimi Regionale (classe 2005, 2006) sono:

Portieri: Lorenzo Santoro, Lorenzo Previti, Christian Foti.

Difensori: Serri Lorenzo, Malo’ Matteo, Bottone Antonino, Tortorella Paolo, Casablanca Simone, Ciatto Gabriele, Spadaro Nicolo, Smiroldo Giuseppe, Casablanca Valentino, Casablanca Costantino, Bongiorno Jacopo. 

Centrocampisti: Carrolo Matteo, Lucifora Simone, Costa Domenico, Informante Charmel, Savoca Giovanni, Ciatto Giuseppe, Karol Smiroldo, Di Pietro Mauro, Palella Sebastiano, Stracuzzi Sebastiano, Garufi Simone, Carnabuci Francesco

Attaccanti: Bucalo Lorenzo, Oneri Tiberio, Pagano Davide, Casablanca Antonino, Informante Tommaso, Palella Daniel, Muscolino Marco.

Complimenti non solo ai ragazzi, alla Società che avuto sempre come base la valorizzazione dei giovani, non potevamo chiudere questo cammino vincente con l’allenatore Nico Rovito al suo primo “palmares” della carriera: l’attesa è stata tanta, cosa hai provato nel momento in cui è arrivata la notizia del salto di categoria? “C è stata un enorme soddisfazione perché gratifica il lavoro svolto da mister e Società”.

Il successo di oggi parte da lontano, anni di sacrifici, non è facile “vincere”, voi ci siete riusciti, ma non è stato facile? “Infatti, vincere non è mai facile, però noi mister abbiamo avuto la fortuna di allenare un gruppo di amici che ha messo il divertimento al primo posto ed è stato proprio quello a renderli vincenti”.

Il vostro successo è arrivato che vi riempie di soddisfazioni con giocatori se possiamo dire cresciuti in casa, facendo le varie trafile giovanile? “Infatti, il successo di oggi viene da molto lontano. La nostra rosa composta da 34 ragazzi è cresciuta totalmente nel settore giovanile a.s.d. Savoca con a capo l’amico Alessandro Moschella ed è stata proprio quella la base che ha permesso a noi mister di lavorare nel miglior modo possibile per ottenere questi risultati”.

Per raggiungere certi obiettivi, ci vuole preparazione e uno staff tecnico che voi negli anni avete messo come punto base per il successo di oggi? “La preparazione e l’organizzazione è alla base di ogni singolo progetto,  abbiamo avuto la fortuna di avere nello staff tecnico Sterrantino Giovanni,  Antonio Spadaro Alessandro Impellizzeri e il preparatore dei portieri Giovanni Totaro, amici e mister che hanno dato il massimo affinché i ragazzi potessero divertirsi nel modo giusto, ovviamente importantissimo anche il ruolo dello staff dirigenziale che ha visto impegnati Nino Muscolino, Domenico Costa,  Lorenzo Garufi,  Antonio Aliberti,   Claudio Alito,  Manuela Cacciola, Cinzia Saida, Massimo Santoro e  Salvatore Bottone.”

Adesso vi godete la “storica promozione”, siete preparati per affrontare un campionato regionale dove vi presentate da matricola? “Intanto ci godiamo lo storico traguardo con una bella festa che faremo a breve, e successivamente pianificheremo la stagione successiva sapendo che il campionato che andremo ad affrontare sarà pieno di insidie”.

 di “Mimmo Muscolino”