Aiuto…lo sport di base “sparisce”…salviamo le palestre scolastiche.

Riceviamo e pubblichiamo il grido di allarme da parte di “Giovanni Barbagallo” di Catania  da oltre vent’anni si occupa di sport di base e dilettantistico. In una lettera mette in evidenza il rischio che lo sport di base sparisca e non solo, con esso anche le palestre scolastiche, a partire da Settembre saranno convertite in “aule scolastiche”.

“Sta accadendo qualcosa di grave; molte scuole trasformano le palestre in aule, senza aver valutato concretamente soluzioni alternative.
Eliminare le palestre scolastiche, o parte di esse, significa :
1- Negare il diritto all’attività motoria agli studenti
2- Negare il diritto ad esercitare pienamente agli insegnanti di Scienze Motorie
3- Eliminare spazi vitali per le associazioni sportive, quindi per i ragazzi
4- I lavoratori sportivi non avranno più un lavoro

La scuola deve avere più spazi per soddisfare le esigenze (temporanee) di distanziamento; bisogna trovare soluzione a questo problema, e le soluzioni sono tante :
1- Container
2- Strutture prefabbricate
3- Edifici comunali in disuso
4- Tende da campo

Prima di creare una bomba sociale, perché ridurre la possibilità di attività motoria significa alimentare problemi sociali e sanitari, che presto diventeranno ulteriori costi per la comunità, bisogna PARLARE DEL PROBLEMA (ogni giorno ) :

1- IL MINISTRO DELLO SPORT (ogni giorno) – E ASSESSORE DELLO SPORT DI REGIONE O DI COMUNE (ogni giorno)

2- IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE – E ASSESSORE ALLO SPORT DI REGIONE E DI COMUNE (ogni giorno)
3- IL MINISTRO DELLA SANITA’ – E ASSESSORE ALLO SPORT DI REGIONE E DI COMUNE
4- IL PRESIDENTE DEL CONI – NAZIONALE – REGIONALE – PROVINCIALE (ogni giorno)
5- I PRESIDENTI FIPAV – NAZIONALE – REGIONALE – TERRITORIALE
6- I PRESIDI
7- I DOCENTI DI SCIENZE MOTORIE
8- GLI ALUNNI
9- I GENITORI
10- GLI ENTI DI PROMOZIONE
11- LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE
12- I MEDICI
13- I LAVORATORI SPORTIVI

ESEMPIO DI REGOLAMENTO NEL REPERIMENTO DI SPAZI PER FARE AULE :
1- Disponibilità di spazi esterni dove poter posizionare container, prefabbricati, tende da campo
2- Disponibilità di spazi in edifici comunali non utilizzati
3- Utilizzo di tutti gli spazi interni facilmente trasformabili in aule
4- Utilizzo di tutti gli spazi interni trasformabili in aule
Basterebbe richiedere l’applicazione di queste quattro regole; nel caso in cui non si potessero aumentare gli
spazi seguendo le regole 1, 2 e 3 , allora sarebbe ovvio ricorrere alla regola quattro.

E’ COSI’ DIFFICILE FARE CHIAREZZA ?? – E’ un problema di interesse NAZIONALE, che merita di essere affrontato, discusso e analizzato.
Umilmente chiedo a tutta la comunità nazionale, ognuno nel proprio ambito e con le proprie possibilità, di affrontare il tema.

C’è in gioco il futuro dei nostri figli, c’è in gioco il futuro dell’ITALIA.
Resto a completa disposizione.

Cordiali Saluti Giovanni Barbagallo