Paolo Spadaro: “La forza del Casalvecchio è sempre il gruppo…siamo una squadra umile”.

In quel di Casalvecchio Siculo, si riparte con lo stesso entusiasmo che ha caratterizzato sin dalla nascita il fenomeno calcistico di un paese che sta vivendo momenti di “passione pallonara” accompagnata dall’entusiasmo del loro “12”, non è un numero, ma la forza, l’energia, quella sinergia tra tifosi e squadra che fanno un’esplosione vitale di grinta, carattere, spirito di sacrificio, di umiltà, di giocare non solo per la maglia, ma per loro, in quest’ottica i dirigenti, pur palesando qualche piccolo cedimento, nel periodo “Covid-19”,  si sono tuffati con grande entusiasmo, possiamo dire con la stessa grinta del numero “12”, per continuare quel progetto iniziato nell’estate 2016 con la nascita dell’Asd Casalvecchio Siculo.

Un progetto iniziato con un preciso obiettivo, in quei tempi sembrava un sogno da realizzare, quel sogno continua ancora ad essere sempre più grande, una parte si è avverato, come si vuol dire, l’appetito viene mangiando, proprio mentre si è a tavola tutti insieme (durante la cena sociale come consuetudine di inizio stagione,  svoltasi Venerdì scorso, alla vigilia del primo giorno di preparazione che parte oggi Lunedi 24 Agosto in quel di Antillo per il secondo campionato di Prima Categoria), abbiamo scambiato due chiacchere con il Direttore Generale – Paolo Spadaro –  fra una portata è l’altra, alle nostre domande, puntuale con determinazione, decisione, direi con molta convinzione, le risposte del dirigente casalvetino, allora Paolo si riparte per una stagione con lo stesso entusiasmo di sempre? “No, penso che dopo questa pausa, l’entusiasmo abbia superato le nostre aspettative, riunire 30 ragazzi, tra nuovi e vecchi, è il risultato di un lavoro svolto negli anni che ci ha dato oggi i frutti di quello che abbiamo seminato”

La nuova stagione riparte con l’effetto Covid-19, gli obiettivi del Casalvecchio hanno subito dei cambiamenti? “Siamo sempre una neopromossa, nel senso dato che non abbiamo concluso lo scorso campionato, quindi il nostro obiettivo è sempre lo stesso, poterci divertire e fare divertire i nostri tifosi “The Warrios”

Per la quinta stagione ripartite con mister Moschella in panchina? “Il solo fatto di aver riconfermato il mister è motivo per noi di grande soddisfazione. Posso solo dirti che lui è da sempre il 50% del progetto Casalvecchio, la nostra arma in più”

Come mi rispondi alla voce di un Casalvecchio ridimensionato? “Noi siamo sempre la squadra umile che si è formata nell’estate 2016 partendo dalla Terza Categoria. La nostra forza di sempre è il gruppo, è sarà il gruppo anche quest’anno a decidere… (qui il Direttore Generale Paolo Spadaro con un sorriso ci fa capire che il gruppo punta in alto), non va oltre…il suo pensiero viene catturato da qualcos’altro (in piazza dove si è tenuto la cena, vi è la preparazione dell’ingresso dei “Warrios” pronti ad abbracciare con il loro entusiasmo i propri beniamini).  

Dopo qualche minuto, allora Paolo il Casalvecchio rilancia? “Siamo una Società formata da giovani sognatori, sognare non ha limiti, sarà il campo a dire dove riusciremo ad arrivare, ma manterremo sempre i piedi per terra perché il pallone è tondo”.

di “Mimmo Muscolino”