L’Acireale scaccia la crisi, supera in rimonta (2-1) il Santa Maria

L’Acireale rivede la luce, i gol di Rizzo e Savanarola scacciano via la crisi, grande reazione acese, il Santa Maria Cilento in vantaggio su rigore al 13’ trasformato da Maggio, poi la rimonta granata nella ripresa nel giro di 13’: la zampata del capitano, una incursione dell’esordiente Pozzebon, il rigore di Rizzo per il momentaneo pareggio. La Polisportiva Santa Maria esce sconfitta dallo stadio “Aci e Galatea” di Acireale  per 2 a 1  giocando l’ultimo quarto d’ora con nove uomini per gli infortuni di Vincenzo Romano e Pastore, con i cinque cambi esauriti.

Primo Tempo: I giallorossi ospiti entrano in campo con il piglio giusto, mostrando subito grande personalità contro l’Acireale che al 4’ va alla conclusione alta con un colpo di testa di Pozzebon su traversone di Savanarola

 Ospiti in vantaggio: al 12’ Capozzoli mette il turbo penetra in area e viene messo giù da La Vardera.  Il direttore di gara, Viapiana di Catanzaro, decreta un calcio di rigore che Domenico Maggio, con grande freddezza spiazza Mazzini.

Gli acesi provano a reagire, ma sono gli ospiti al 23’ a rendersi pericolosi con una ripartenza di Ragosta.  L’Acireale si fa vedere ina area avversaria poco prima della mezz’ora: Orlando si invola sull’out di sinistra e arriva al traversone per il   colpo di testa di Rizzo bloccato dal portiere Grieco. Al 36’ lancio di Rizzo per Savanarola che si gira in area il destro viene parato da Grieco.

Ospiti sfiorano il raddoppio: Al 38’ Ragosta a far viaggiare Tandara, un contropiede micidiale si presenta davanti a Mazzini ma non trova il guizzo vincente.  Nel finale, i padroni di casa ci provano ancora con Rizzo, ma Grieco blocca.

Secondo Tempo: Padroni di casa in avanti alla ricerca del pareggio, ma sono i campani al 14’ con Bozzaotre si inventa un sinistro con Mazzini battuto la sfera colpisce il palo.  Due minuti più tardi arriva il pareggio dell’Acireale su calcio di rigore trasformato da Rizzo concesso per atterramento in area di Pozzobon ad opera di Campanella.

Il gol mette il turbo agli acesi, al 22’ Pozzebon parte in dribbling in suo sinistro viene deviato in angolo da Grieco. Al 29’ arriva il sorpasso: Souare si invola sulla sinistra e crossa in area, dove trova Savanarola che di sinistro batte Grieco.

La squadra di mister Esposito, nonostante lo svantaggio, non demorde, cercando di raddrizzare il match, perdono per infortunio anche Vincenzo Romano e Pastore, rimangono in doppia inferiorità, nel finale rrecriminano per due episodi dubbi nell’area di rigore acese, per un fallo a 3’ minuti dalla fine su Maggio e per un tocco con le mani nel cuore dell’area di rigore.

Città di Acireale   2    Pol. Santa Maria Cilento  1
Marcatori: 13’ pt Maggio su rig., 16’ st Rizzo su rig. e 28’ st Savanarola.
Acireale (3-5-2): Mazzini; Silvestri, Viscomi, Orlando (1’ st Souare Talla); La Vardera D., Cozza (49’ st Ba), Buffa, Savanarola, Mauceri (14’st Cannino); Rizzo (44’ st Tumminelli), Pozzebon. A disp.: Ruggiero, Celentano, Joao Pedro, Iaia, La Vardera C. All.: Pagana.
Polisportiva Santa Maria (3-4-3): Grieco; Pastore, Campanella, De Gregorio; Bozzaotre, Maio, Coulibaly (8’ st Citro), Sagliano (8’ st Strumbo); Capozzoli(22’ pt Tandara, 29’ st Romano V.), Maggio, Ragosta (29’ st Romano G.). A dis.: Polverino, Lambiase, Simonetti, Foufoue. All. Esposito.
Arbitro: Felipe Salvatore Viapiana di Catanzaro.  Assistenti: Roberto Sciammarella di Paola e Mirko Bartoluccio di Vibo Valentia.
 Ammoniti: La Vardera D., Buffa, Cozza, Savanarola, Campanella, Sagliano, Maggio, Romano G.