Boxe – Giancarlo Ranno con 387 voti eletto VicePresidente Federale

27 febbraio 2021, election day della Federpugilato. In essa, retta dal nuovo Presidente Flavio D’Ambrosi, c’è anche per questo mandato una significativa parte di Sicilia. Giancarlo Ranno, 387 preferenze, si è confermato Consigliere nazionale e al termine del primo Consiglio federale tenutosi lunedì 8 marzo ha ricevuto l’importante incarico di Vice Presidente Fpi ed a lui è stata assegnato anche il ruolo di Responsabile delle squadre nazionali.

Per due anni Presidente del Comitato Regionale, dal 2008 al 2010, Ranno si pone in linea di continuità nell’ambito dirigenziale nazionale, dato che si tratta del terzo mandato che ricoprirà fino al termine del quadriennio, ovvero il 2024.

“E’ certamente una grande soddisfazione aver raggiunto una nomina di spessore da parte mia, che giustifica il lavoro svolto in dieci anni di militanza nei quadri federali – Queste le prime dichiarazioni del dirigente nativo di Augusta. Ringrazio per la fiducia i vertici della Fpi e le società di tutta Italia. Da siciliano un sentito grazie a quelle della mia terra. Il tutto in un momento di estrema difficoltà e di incertezza, dove i club “vivacchiano” per via della mancanza di eventi ma manifestano una grande forza di volontà nello svolgere l’attività e raggiungere gli obiettivi”.

La Boxe in Sicilia. “Nel giro di un paio di anni i numeri ci dicono che siamo passati da venti a sessantuno società, da cinquemila a quindicimila tesserati. Un incremento, senza dubbio, che ci ha consentito di competere e anzi superare l’icona del pugilato italiano in termini di regioni, ovvero la Campania. Riuscendo a portare a livelli nazionali e internazionali pugili del calibro di Francesco Iozia, Giuseppe Canonico, Salvatore Scala della Eagle Avola; Alessio Camiolo della Extreme Boxing Club; Cristian Sollima della Little Club; Tommaso Sciacca della Destroyer;  Salvatore Di Noto, Daniele Salerno della Dresda Siracusa, i due cugini Salvatore Cavallaro della Trinacria Boxing di Giovanni Cavallaro.

E i nostri guantoni “rosa” come la professionista Valentina Milazzo dell’Accademia dello sport; le Gs Fiamme Oro Martina La Piana, Giulia e Federica Lombardo; Lucia Ayari della Catania Ring; Michela Caccamo della Pugilistica Rossitto; Graziella Schininà della Schininà Boxing Team”.

A proposito di Salvatore Cavallaro “Occhi di tigre”, il medio catanese peso 75 kg. Le chances di Tokyo 2021 sembrano volgere a suo favore. E’ attualmente terzo nel ranking mondiale di categoria e in attesa di conoscere gli esiti definitivi della graduatoria che scaturiranno da quel Torneo di qualificazione di Londra disputatosi sino a marzo 2020, poi sospeso, dove Cavallaro è stato eliminato al primo turno, e che verrà completato a Parigi all’inizio dell’estate.  

di “Giuseppe Signorino”