Serie C Silver: Impresa della Gold&Gold Messina contro la capolista NP Messina (75-70)

La Gold & Gold Messina riscatta immediatamente il passo falso interno del turno precedente e va a vincere sul campo dell’imbattuta capolista Nuova Pallacanestro Messina Cocuzza del presidente Carmelo Caruso. I ragazzi del presidente Massimo Zanghì ottengono il terzo successo esterno consecutivo al termine di un derby tiratissimo dal punto di vista agonistico e tecnico, che ha visto le due squadre darsi battaglia per tutti i quaranta minuti. Entrambe le  contendenti volevano prevalere, ma alla fine è stata la squadra allenata da Pippo Sidoti e dal suo fido Francesco Paladina a conquistare due punti pesantissimi che consentono agli scolari di agganciare a quota 8 la Fortitudo Messina, prossimo avversario nel turno infrasettimanale che si disputerà mercoledì 14 aprile.

La gara era temuta alla vigilia sia per la forza degli avversari che per l’incerta presenza di Rokas Pocius, il quale aveva saltato le ultime due sedute di allenamento. Ma il lungo lituano ha risposto presente alla chiamata del suo coach ed alla fine è stato determinante con i suoi 23 punti (9/12 da 2, 1/3 da 3, 2/2 ai liberi, 15 rimbalzi e 4 assist). Quando viene messo in condizioni di giocare, e ci riferiamo senza mezzi termini alla gara persa con il Castanea nel corso della quale è stato letteralmente preso di mira dalla coppia arbitrale, Pocius diventa un fattore per i giallorossi.

Pippo Sidoti

Quella conquistata dagli Scolari è stata una vittoria limpida, la vittoria di un gruppo che ha saputo reagire alla grande e nel quale spiccano le doti di giocatori come Federico Manfrè, tornato ai suoi livelli con 23 punti personali, di cui 10 realizzati nel quarto finale. Per lui 6/13 da 2, 2/4 da 3, 5/5 ai liberi e 11 rimbalzi. Ancora grande protagonista Marco De Angelis, elemento imprescindibile nello scacchiere di Pippo Sidoti. Il lungo pontino ha messo a segno 14 punti (4/11 da 2, 1/2  da 3 e 3/7 ai liberi, con 10 rimbalzi e 5 assist).

Risposte positive sono arrivate anche da Nino Sidoti, 7 punti e tanta grinta, Lorenzo Genovese (6 punti per due triple chirurgiche), e Lorenzo Tartamella (2 punti in 5 minuti ma tanta sostanza). Soffre, buffa ma da il suo importante contributo in fase di regia e in difesa Giorgio Busco. Per capitan Cristiano Scimone tanta applicazione in fase difensiva: i punti arriveranno. Grande merito della vittoria va a coach Sidoti che ha saputo guidare i suoi dalla panchina, incitandoli e richiamandoli al momento opportuno: fondamentale il time out chiamato nei primi minuti dell’ultimo quarto, quando la capolista si era riportata in vantaggio e dopo il quale la squadra è tornata in campo rinfrancata, svoltando letteralmente il match.

Prestazione da incorniciare quindi per i giallorossi che hanno affrontato il derby con la giusta carica, rispondendo con grande carattere agli spunti del team allenato da Beto Manzo.

1/4 – Primo periodo disputato con grande intensità dalle due squadre che vanno quasi a braccetto, nel punteggio, per buona parte del tempo.  Alle giocate di Kulevicius e Budrys risponde un ispirato Pocius (9-9). Poi De Angelis e Manfrè staccano gli avversari (10-15). I liberi di Budrys (saranno tanti i viaggi in lunetta per padroni di casa nel parziale) e l’ottimo Kulevicius riportano sotto la JustMary (16-17) costringendo coach Sidoti a chiedere un minuto di sospensione. La Gold & Gold esce bene dal time out, Manfrè fa centro dai 6,75 e Pocius porta a +6 il vantaggio ospite (16-22). Gli risponde Salvatico (tripla) che dopo il canestro di Pocius va a segno dalla linea della carità con un 3/4 che riavvicina a un possesso i suoi (22-24). Il gioco da tre di Nino Sidoti, (canestro che in un primo momento non era stato concesso) e canestro di De Angelis, intervallati dalle realizzazioni di Kulevicius, fissano il 26-29 del primo periodo.

2/4 – Nel secondo parziale la JustMary approccia meglio il match, Basket School che non trova la strada del canestro avversario, ne approfittano i padroni di casa per volare sul +7 (36-29) con un break di 10-0 firmato da Vucenovic, Fernandez e Kulevicius. Tartamella spezza l’incantesimo per la Gold & Gold, poi sono De Angelis e Manfrè a impattare sul 36-36. Dopo il libero di Budris, assegnato per tecnico alla panchina della Basket School per proteste, è la triplona di Genovese a regalare il nuovo vantaggio agli ospiti (39-41). Budris pareggia e il libero di De Angelis chiude il primo tempo sul 41-42.

3/4 – Al ritorno in campo, con un break di 8-2, la Gold & Gold da la sensazione di poter prendere il sopravvento (43-50). Pocius risponde dall’arco alle giocate di Vucenovic, poi Manfrè regala il massimo vantaggio ai suoi (49-58). La JustMary reagisce si riporta ad un possesso con Fernandez e Vucenovic (55-58) alla mezzora.

4/4 – Nell’ultimo quarto la squadra di Manzo pare aver ribaltato l’inerzia del derby, buona difesa e un Kulevicius in gran spolvero rilanciano i locali. La tripla di Salvatico regala entusiasmo ai suoi e costringe coach Sidoti al time out (61-58). La Basket School risponde soffre, subisce canestro in contropiede da Kulevicius, poi va a segno con Manfrè da sotto (63-60). Altra bomba di Kulevicius, ma Genovese risponde per le rime (66-63) e Manfrè impatta a quota 66, sempre dall’arco. Stavolta è Beto Manzo a chiamare minuto. Scolari in gran fiducia vanno in vantaggio con Pocius, dopo il pari dalla lunetta di Kulevicius è il solito Manfrè a riportare avanti la Gold & Gold che scappa sul +4 con Pocius con due liberi. Vidakovic da sotto mette gli unici suoi due punti della gara, ma ancora Manfrè non sbaglia dalla lunetta per il nuovo +4 (70-74).

La JustMary non vuole cedere, ma l’ingenuità di Kulevicius regala un libero agli Scolari che allungano sul +5 e alla fine conquistano due punti meritati. Finisce con la squadra di Pippo Sidoti che fa festa, la N. P. Messina conosce la prima sconfitta stagionale, ma esce a testa alta dal campo, e adesso condivide il primato con il Castanea. Grande soddisfazione in casa Basket School per una vittoria meritata che regala tanto entusiasmo e maggiore convinzione nei propri mezzi in vista delle fide future.

JustMary Messina  – Gold & Gold Messina 70-75
Parziali: 26-29, 15-13 (41-42), 14-16 (55-58), 15-17
JustMary Messina: Crisafulli n.e., Fernandez 7, Salvatico 9, Vidakovic 2, Kulevicius 23, Budris 13, Cocuzza n.e., Diakite, Mihajlovic 4, Vucenovic 12, Diop. All. Beto Manzo. Ass. Claudio Pizzuto
Gold & Gold Messina: Sidoti A 7, Genovese 6, Doria n.e., Olivo n.e., Scimone, Manfrè 23, Tartamella 2, Arena n.e., Sidoti E. n.e., Busco, Pocius 23, De Angelis 14. All. Pippo Sidoti. Ass. Francesco Paladina
Arbitri: Puglisi di Aci Catena e Di Giorgio di Giarre
Note: Uscito per 5 falli Salvatico

 di “Carmelo Minissale”