Meritati consensi gli stage di calcio giovanile della JSL

Hanno riscosso meritati consensi gli stage di calcio giovanile della JSL, che si sono tenuti, nei giorni scorsi, allo stadio comunale di Brolo. Tanto entusiasmo e straripante voglia di divertirsi tra i ragazzi che hanno partecipato alla due giorni organizzata dalla società del presidente Francesco Caruso, riservata ai nati negli anni 2009/2008/2007 (U15) e 2006/2005 (U17), in preparazione ai campionati regionali 2021/22 maschili, e alle giocatrici 2009/2008/2007 (U15), 2006/2005 (U17) e 2004/2003/2002 (prima squadra), propedeutici, invece, per i tornei femminili giovanili e per l’Eccellenza.

L’osservatore dell’ACF Fiorentina Giovanni Pisano, allenatore ed ex calciatore dalla brillante carriera, che si occupa per il club gigliato dello scout di talenti nel territorio siciliano, si è detto entusiasta dell’organizzazione: “Devo fare i complimenti alla JSL per l’accoglienza e la professionalità dimostrate. Ho trovato numerosi tecnici preparati sotto vari aspetti. Noi come Fiorentina siamo felici di questa collaborazione con un sodalizio che vuole crescere. Ci sono ottime potenzialità sia per quanto riguarda il vivaio maschile che quello femminile e stiamo pensando a qualcosa di importante da fare insieme”.

Impressioni positive anche per Diletta Trassari, responsabile JSL Women: “JSL ha puntato molto sul calcio femminile, creando, nella scorsa stagione, le under 12, 15, e 17 e poi c’è stata la squadra d’Eccellenza, che ha ottenuto ottimi risultati, raggiungendo la finale regionale. In estate, siamo ripartiti dal progetto Playmakers, che ci ha visti scelti dalla Federazione per sviluppare l’iniziativa nata dalla sinergia tra Uefa e Disney per sensibilizzare le bambine dai 5 agli 8 anni d’età ad avvicinarsi a questo sport. Può rappresentare un’esperienza preziosa per incrementare proprio l’attività di base nel territorio. Essere affiliati alla Fiorentina ci proietta, inoltre, in una dimensione allargata e di prestigio. Adesso dovremo lavorare con il massimo impegno sul campo per continuare a fare bene”.