Bruno Donia: “La Gold & Gold Messina non farà da comparsa. Più attenzione per il basket cittadino”

La FIP Regionale ufficializzato la composizione dei gironi dei campionati di basket. La grande novità della stagione 2021/22 è l’istituzione della serie C Gold, torneo interregionale al quale parteciperanno undici formazioni siciliane e tre calabresi. Confermata anche la composizione del girone siciliano di serie C Silver, complessivamente sono ventotto le società che hanno dato la propria disponibilità alla disputa dei campionati, ben sette le squadre cittadine: quattro in C Gold e tre in C Silver.

La Gold & Gold Messina, dopo cinque campionati giocati in C Silver, parteciperà alla C Gold insieme alle otto squadre che nella scorsa stagione hanno dato vita ad un campionato appassionante ma difficile per le condizioni in cui si è svolto. In più ci saranno il Green Palermo, retrocesso dalla B, l’Or.Sa. Barcellona, ammessa in C Gold e le tre calabresi; Vis Reggio, Mastria Sport Academy Catanzaro e Dierre Reggio.

Con Bruno Donia, GM della Basket School Messina, facciamo il punto della situazione, partendo proprio dalla decisione di partecipare alla C Gold, un torneo senza dubbio più oneroso e dal livello tecnico superiore: “Ci confrontiamo per la prima volta in Sicilia con questo campionato, siamo felici di prendere parte alla C Gold, anche perché ha un respiro interregionale e dal quale si può direttamente accedere alla serie B. Questo non può che essere un elemento positivo, intanto per il movimento che è riuscito dopo anni a fare questo passo e quindi merito al Commissario Cristina Correnti che è riuscita a raggiungere questo obiettivo. Noi ci siamo fatti trovare pronti anche grazie al concreto e fattivo intervento del nostro sponsor Mercato dell’Oro Gold & Gold nella persona di Giuseppe Costantino che non finiremo mai di ringraziare per il supporto che ci offre”.

Che campionato sarà? Sarà sicuramente un campionato stimolante perché metterà a confronto squadre di due regioni e sicuramente il livello sarà superiore alla C Silver. E’ ancora prematuro stilare una graduatoria di quelli che potranno essere i valori del campo, perché solo da poco è stata ufficializzata la composizione del girone e il mercato deve ancora entrare nel vivo”.

Che Basket School presenterete per questa nuova avventura in C Gold? “Certamente non siamo abituati a fare da comparsa in questi campionati però sappiamo anche che avremo un gruppo di giocatori rinnovato e quindi avremo delle importanti novità nel roster, che poi dovremo verificare alla prova del campo. Abbiamo annunciato già l’ingaggio di Gotelli, nei prossimi giorni ne seguiranno altri che abbiamo già chiuso, anche perché ci sarà qualche addio importante. Noi però già stiamo lavorando per sostituirli degnamente, cercando di non abbassare il livello della squadra e di mantenerla sempre all’altezza degli ultimi anni, se non addirittura migliorarla”.

Al via, fra C Gold e Silver, ci saranno ben sette squadre della nostra città, cosa significa ciò?:Sono molto contento nel vedere un buon numero di squadre messinesi partecipare ai due campionati, saranno quattro in C Gold e tre in C Silver. Da una parte sono molto contento, dall’altra credo che in citta bisogna riflettere sul momento attuale. Come ho detto in passato questo deve essere lo spunto per far comprendere come sia alto e crescente l’interesse verso la pallacanestro in città. Allora dev’essere il momento in cui ci sia un ulteriore apporto di energie, di forze e di coesione per avere una squadra più forte a Messina. E’ evidente che il momento è maturo, sembra quasi naturale se hai quattro squadre in C Gold e tre in Silver che ci sia poi un club di categoria superiore. Ma questo con riferimento non solo alla Basket School ma all’intero movimento cestistico messinese. Sarebbe ora che anche l’amministrazione comunale si rendesse conto di questo interesse che cresce in città. Io non sento mai l’assessore parlare di pallacanestro. Invece i riflettori verso il nostro movimento devono essere accesi in maniera costante, in quanto tutti  stiamo dando prova, con i fatti, di contribuire alla gestione degli impianti sportivi, vedi Mili, Gravitelli e Ritiro. In più ci sono i risultati, stiamo mettendo tante risorse, tanto impegno e facendo giocare tanti ragazzi messinesi a livelli che fino a qualche anno fa avrebbero raggiunto difficilmente”.