A Messina le prime due giornate del corso di formazione per Dirigenti delle Società Sportive Dilettantistiche

La formazione è un tassello fondamentale del percorso tracciato dal suo insediamento dal presidente Sandro Morgana. Si è conclusa la prima due giorni del corso per dirigenti riservato ai tesserati delle delegazioni di Messina e Barcellona. Una presenza nutrita. Una platea attenta che ha accolto l’iniziativa con grande piglio e, soprattutto, apprezzata la qualità dei relatori.

Dopo la presentazione del corso dell’avv. Laura Santoro e i saluti del vice presidente della Lnd Sicilia, Dino Corbo, ha preso il via il corso. L’avvocato Manfredi Lanza, dottorando di ricerca Unipa, si è occupato di cenni storici sul fenomeno sportivo ed elementi di Diritto dello Sport, e ha trattato l’interessante tema su ”Lo Statuto federale e l’organizzazione della Federazione Italiana Giuoco Calcio, della Lega Nazionale Dilettanti e del Settore per l’attività giovanile e scolastica, con le rispettive articolazioni”.

Nella seconda parte fondamentale la trattazione di un argomento pregnante come quello delle carte federale, delle norme organizzative interne della Figc e dei relativi adempimenti. 

Oggi mattinata significativa perché si è parlato del “regolamento del calcio, lo spirito di servizio e l’interpretazione delle norme” (a cura del dott Vincenzo Meli, Responsabile Modulo Regolamento del Settore Tecnico dell’AIA).

Inevitabile la trattazione globale della giustizia sportiva, dal diritto all’organizzazione, sino all’allestimento dei ricorsi con la relativa disciplina (curato dal presidente della Corte Sportiva d’appello territoriale, avv. Ludovico La Grutta). In mezzo è stato dibattuto il doping e antidoping, sempre curato dall’avvocato Manfredi Lanza.