Alla Cittadella Sportiva Universitaria arriva il sedicesimo Trofeo Piskeo. Bosurgi: “Un grande piacere ospitare questa manifestazione”

Sarà la piscina scoperta della Cittadella Sportiva Universitaria il teatro dell’edizione numero 16 del Trofeo Piskeo – Memorial Mirko Laganà, manifestazione molto rinomata nel panorama natatorio nazionale organizzata dalla Mirko Piskeo Onlus con la collaborazione della SSD UniMe.

Domani e domenica (28 e 29 maggio 2022), in vasca scenderanno gli esordienti B ed A, per cimentarsi in due giorni di gare che porteranno centinaia di atleti nell’impianto sportivo universitario dove, tra l’altro, già in passato era stata ospitata la stessa manifestazione. “Per me è un grande piacere poter ospitare questa manifestazione in ricordo di Mirko e di tutto ciò che lo circondava e che, quindi, lo rendeva felice – questo il commento di Silvia Bosurgi, Presidente della SSD UniMe – Di conseguenza per noi, per la società e per l’Università, ospitare di nuovo il Piskeo sicuramente è un grande orgoglio. Purtroppo questa pandemia ci ha tolto tanto – prosegue la Bosurgi parlando della manifestazione riservata per quest’anno solo ad alcune categorie – però cercheremo di riprendere ciò che abbiamo perduto e, quindi, intanto hanno organizzato semplicemente una gara riservata agli esordienti ma ritorneranno agli antichi splendori. Sicuramente la Cittadella ha una risorsa importante che sono le due piscine, con la piscina scoperta che offre la possibilità di potersi allenare anche a grandi livelli. In quest’ottica abbiamo avuto modo negli ultimi mesi di approcciarci ed ospitare manifestazioni ed attività di livello, come i collegiali di gennaio e maggio, quando abbiamo dato l’opportunità alla Federazione di allenarsi qui e spero che si possa proseguire su questa strada”.

Come detto, rispetto alle precedenti edizioni, quelle pre-pandemia, il Piskeo di questo weekend sarà realizzato in forma ridotta, riservato solo a determinate categorie. “Ci dispiace che proprio quest’anno non riusciremo a fare la manifestazione al completo, ma abbiamo ricevuto troppo tardi le autorizzazioni per procedere per cui ormai gli assoluti avevano preso altre decisioni – questo il commento di Grazia Laganà, madre di Mirko – Quindi abbiamo deciso di dare spazio agli esordienti come modo per cominciare da capo, affrontando e superando tante difficoltà per l’organizzazione anche dal punto di vista tecnico. Per fortuna abbiamo avuto la disponibilità totale della piscina dell’UniMe, dove abbiamo vissuto delle esperienze belle e quindi speriamo di poterle continuare e, soprattutto, speriamo che tutto possa procedere per il meglio, per tornare l’anno prossimo a realizzare il nostro grande Piskeo. Non poter realizzare questa manifestazione mi faceva sentire la mancanza di Mirko ancora di più, perché ricordarlo in questi momenti per noi è un toccasana, è un vivere nel mondo in cui lui viveva, con gli amici che lo amavano e quello sport che lui amava. Ecco, stare qui in piscina è come essere in famiglia. Mirko adorava tutto ciò e proprio questo c’è rimasto di lui: la sua gioia, il suo amore per lo sport, l’amore per gli amici. Ripartire dopo due anni di Covid, quindi, per noi ha anche un altro significato proprio in tal senso: mi rendo conto delle tante difficoltà che i giovani abbiano avuto nello stare chiusi in casa e tornare a fare sport, stare insieme e confrontarsi è sicuramente l’esperienza più bella”.

Domani, sabato 28 maggio, prima tornata di gare, mentre domenica 29 maggio spazio alla cerimonia di inaugurazione, come sempre molto sentita e partecipata, ed alla giornata conclusiva del Piskeo