Valdinisi “cena sociale” di fine campionato. Il DG Carmelo Briguglio fa il bilancio della stagione

La prossima stagione la Valdinisi Calcio sarà ai nastri di partenza del campionato di Promozione, i colori biancorossi disputeranno la loro quarta stagione consecutiva. La permanenza nella categoria è stata conquistata all’ultimo rush finale, l’ultimo jolly disponibile per evitare di retrocedere in Prima Categoria.

L’obiettivo è stato raggiunto dai ragazzi di mister Roberto Frazzica vincendo la gara play-out sul campo del Sinagra, un successo meritato di una stagione non certo fortunata per la compagine del Presidente Giacomo Rotondo, tra infortuni vari, la sorte in certe gare non è stata benevola, la Valdinisi si è vista sfuggire vittorie e di conseguenza “punti”, proprio nell’ultimo giro dell’orologio.

L’esultanza a fine gara con il Sinagra

Una stagione negativa dal punto di vista dei risultati, tanti i pareggi, ma non nell’impegno e nella qualità del gioco, quanti “pali e traverse” hanno impedito di esultare, invece, la compagine tanto cara al Direttore Generale  Carmelo Briguglio, in un girone di ritorno strepitoso è riuscita con determinazione, carattere, ma soprattutto quello che ha fatto la differenza è stato quello di non “mollare” quando ormai tutti al termine del girone di andata, indicavano la Valdinisi come destinata ad una retrocessione certa. Invece, la Valdinisi c’è l’ha fatta a conquistare il suo “campionato”

E’ passato quasi un mese dalla vittoria in quel di Sinagra, come consuetudine in casa della Valdinisi si mette la parola fine alla stagione con la “cena sociale” in uno spirito conviviale con giocatori, dirigenti, familiari, sostenitori, il tutto in un calore familiare, quello che si è potuto “vivere” l’altra sera nella solita “location” di Alì Terme con la ciliegina finale il classico taglio della “torta” dai colori biancorossi con la scritta “Valdinisi fuori e dentro il campo”.

A fare un bilancio della stagione non poteva non essere il Direttore Generale Carmelo Briguglio “Chiudiamo con una salvezza meritata per la quantità e qualità del gioco espresso, basti pensare che con le prime cinque della classe, esclusa la Pro Mende, ce la siamo giocata alla pari, dentro e fuori casa, sfiorando la vittoria, sfumata spesso nei minuti finali”.

Sicuramente il momento più emozionante della stagione è stato il pomeriggio di Sinagra? “I sacrifici di una stagione, ripagati in 120 minuti di sofferenza, ma è vero, così è più bello”

Il vostro obiettivo di inizio stagione era quello di una salvezza tranquilla, invece…?  “Si era partiti con l’idea di fare un campionato diverso, più tranquillo, lineare, ma non sempre le cose vanno per come vengono programmate. Il “pallone è rotondo” e tutto può succedere, le variabili sono tante e molte anche incontrollabili”.

Come il girone di andata non certo auspicabile alla vigilia? “Un girone di andata costellato di infortuni, qualche decisione dubbia e tanta sfortuna, fa parte anche questa del gioco”

Invece, un girone di ritorno strepitoso? “Un girone di ritorno all’altezza delle nostre aspettative, direi anche superiore, se si considera il gap importante da recuperare a fine dicembre. Non so quante squadre avrebbero continuato come abbiamo fatto noi, e alla fine la nostra perseveranza ci ha dato ragione!”

Una stagione in cui la Valdinisi ha conquistato la permanenza in Promozione, l’Under 19 ha disputato i play-off, i ragazzi del calcio a 5 sono approdati in Serie C2? Oltre a questo vorrei ricordare anche l’ottimo risultato dell’Under 17  Provinciale ha chiuso con un ottimo quinto posto e solo un cambio di regolamento non ci ha permesso di disputare anche qui gli spareggi. Infine la scuola calcio è cresciuta nonostante mille difficoltà dovute al Covid”.

Possiamo dire una base su cui programmare la prossima stagione? “Senz’altro, si è fatto molto e tanto altro si può fare e noi continueremo sempre con l’entusiasmo che ci ha contraddistinti fino ad ora, c’è gente a cui piace parlare e gente a cui piace fare, noi siamo di quest’ultima categoria, solo per il piacere di fare qualcosa di importante per le nostre comunità. Se mi permetti colgo l’occasione per rinnovare l’invito a chiunque si voglia dedicare a questa Società, a farsi avanti, saremo ben lieti di accogliervi”.

Qualche settimana di riposo, poi si parte per la nuova stagione? “Infatti, qualche giorno per ricaricare le pile e poi ripartiremo più forti e determinati di prima”.

Prima di congedarci da Carmelo Briguglio, i tradizionali ringraziamenti… ”Ringraziamo tutti coloro che quest’anno hanno fatto parte di questa Società, dirigenti, tecnici, giocatori, genitori, collaboratori, nessuno escluso – afferma il Direttore Generale – ringraziamo i nostri tifosi che ci hanno sempre sostenuto anche nei momenti più difficili”.

Di “Mimmo Muscolino”