Team Krypton Motorsport con Nicolosi, Di Benedetto e Cazzaniga sul tracciato di Mugello

Come leoni in gabbia. I piloti del Team Krypton Giuseppe Nicolosi, Davide Di Benedetto e Daniele Cazzaniga scalpitano. In loro c’è forte la voglia di riscattarsi immediatamente e gettarsi alle spalle i brutti pensieri prodotti a Pergusa, dove un problema tecnico al motore li ha estromessi dalla gara.

Adesso si corre in Toscana sul tracciato del Mugello. Si comincia venerdì pomeriggio con le Prove Libere, poi sabato mattina ancora Prove Libere e di pomeriggio le Prove Ufficiali che valgono da qualifica. Domenica alle 16,15 il via alla gara Gran Turismo Endurance.

Il Team sarà al via con la Porsche 991 GT3 Cup del Krypton Motorsport con serie ambizioni di puntare in alto grazie alle ultime uscite che hanno evidenziato un feeling con la vettura.

«Proveniamo da un test svolto pochi giorni fa che ci ha dato risposte gratificanti – ha dichiarato Giuseppe Nicolosi – ci teniamo a fare bene per noi stessi e per i nostri sponsor. A Pergusa il guasto al motore ci ha penalizzati ma sento che al Mugello possiamo fare bene».

Il test a cui si riferisce Nicolosi ha lasciato parecchia fiducia in casa Krypton, le sensazioni sono positive, lo erano anche nel tracciato siciliano, prima che ci si mettesse il caso. 

«Nella prima uscita non ci siamo neanche potuti esprimere – ha commentato Davide Di Benedetto – per un pilota quello che è accaduto a Pergusa è frustrante. Avremmo voluto gareggiare già la settimana successiva, ma abbiamo dovuto aspettare che il calendario ci desse una nuova opportunità, adesso siamo pronti e non vediamo l’ora di accendere i motori». 

Al week end del Mugello seguiranno gli appuntamenti di Vallelunga (16-18 settembre) e Monza (7-9 ottobre). «Luglio per me sarà un mese pieno di appuntamenti tra la Porsche Mobil1 Supercup e il Gt Italiano – ha esordito Daniele Cazzaniga – mi piacerebbe avere in ogni corsa un ritmo di gara che soddisfi le ambizioni mie e del mio team. Al Mugello vogliamo andare forte, è arrivato il momento di far vedere cosa possiamo fare». 

di “Andrea Cataldo” 

Nella foto:  i tre piloti (da sx Cazzaniga, Nicolosi, Di Benedetto).