Una marchigiana per l’Amando Volley: il libero Francesca Galuppi

Il nuovo libero dell’Amando Volley arriva dalle Marche, classe ’99, marchigiana di Jesi, 165 cm, ovvero Francesca Galuppi, nell’ultimo campionato di Serie B1 con la casacca dell’Ares FLV Cerignola.

“É la mia prima esperienza in Sicilia e sono davvero emozionata all’idea di confrontarmi con questa nuova realtà, perché in tutte le persone di mia conoscenza che sono passate per l’isola ho sempre notato tanta soddisfazione e contentezza per la scelta fatta. ”Queste le prime parole del nuovo libero biancoceleste Francesca Galuppi.

La carriera: nata il 20 aprile 1999 a Jesi, cresciuta nella Pieralisi Jesi dove ha disputato tutte le categorie giovanili sino alla serie B2, categoria che affronta anche con le formazioni di Ancona, Mesagne, Torretta per poi approdare in terza serie nazionale con l’Effe Sport Isernia (2019-20). La stagione successiva in B1 con la maglia dall’Ares FLV Cerignola. Adesso la nuova esperienza in terra siciliana con la casacca dell’Amando Volley.

In carriera anche un lusinghiero riconoscimento ottenuto nel corso del Torneo di Belgrado ove, indossando la maglia della rappresentativa italiana U19, è stata eletta miglior libero della manifestazione. Prestigiosa partecipazione la sua anche in un altro torneo internazionale, quello disputato a Pola in Croazia ove è stata il libero titolare della rappresentativa italiana di serie B1 e B2 Under23. Numerosi i premi individuali raccolti in carriera, per ben quattro volte infatti è stata eletta miglior libero del campionato.

Ho avuto la fortuna di confrontarmi già l’anno scorso con l’Amando quando ero a Cerignola, e mi era apparsa una società seria e ben organizzata.  Mi hanno parlato molto bene della dirigenza e dell’allenatore, e ne ho avuto la conferma successivamente da alcune atlete, come per esempio Anna Amaturo che ritroverò quest’anno.

Il progetto esposto mi ha entusiasmato fin da subito e non vedo l’ora di conoscere tutte le mie compagne (alcune sono già state mie avversarie negli ultimi anni) e di conoscere la tifoseria, che per me rappresenta un altro giocatore in campo. Da come ho potuto notare i tifosi sono molto calorosi e questa cosa mi “gasa” particolarmente. Non vedo l’ora di iniziare ed esprimere il meglio di me”.