Fallita l’iscrizione del Giarre al campionato di Serie D. Entro il 24 Luglio eventuale ricorso

Fallita l’iscrizione del Giarre calcio nel campionato di Serie D. La Lega, tramite il CovisoD ha disposto il “niet” all’iscrizione del club etneo, esprimendo parere negativo, in quanto non sono stati saldati i debiti con i calciatori.

A questo punto la società avrà tempo fino a Domenica 24 luglio prossimo per presentare ricorso, il cui esito dovrà poi essere dato entro martedì. L’assessore comunale alla Sport, Giuseppe Cavallaro si dice “fiducioso”. I tifosi e tutta la città restano però col fiato sospeso. La Giarre sportiva e calcistica in particolare, infatti, sta vivendo momenti di grande tensione sul destino della gloriosa squadra gialloblù, ai cui colori è attaccatissima.

L’iscrizione al campionato di Serie D sembrava data per sicura dopo le rassicurazioni del nuovo patron Benedetto Mancini, che era riuscito ad espletare tutti i passaggi procedurali essenziali per la regolare iscrizione della squadra, nata nel 1946, al campionato, promozione conquistata a prezzo di enormi sacrifici.

La documentazione richiesta è stata trasmessa Venerdì scorso, nonostante fosse rimasta la grossa e non secondaria incognita costituita dal fatto che i tesserati 2021/2022 permangono ancora in attesa di incassare gli stipendi.

Il CovisoD si è espresso in modo negativo, in quanto il pagamento delle spettanze è un atto necessario e propedeutico. La tifoseria e l’amministrazione comunale però continuano a sperare che il tutto si risolva al meglio, nonostante in molti fossero scettici sulla figura di Mancini, in merito alle gestioni sportive degli anni scorsi, in varie città d’Italia.

L’Assessore Giuseppe Cavallaro, appena appresa la notizia, ha ribadito: “Giarre merita questa Serie D, conquistata con tanti sacrifici, perderla sarebbe un beffa ed un danno economico e di immagine per l’intera comunità”.

Fonte – Di “Mario Pafumi” – Giornale di Sicilia