Serie B – Netta vittoria dell’Amando Volley contro l’ostica Volleyrò Casal de’ Pazzi

Concentrazione, una buonissima prova difensiva, muri oculati, distribuzione del gioco ordinata e molto efficiente, questi gli ingredienti vincenti dell’Amando Volley nella netta vittoria (3-1) contro le ostiche atlete romane del Casal de’ Pazzi nella 10^ Giornata del campionato di Serie B1 di pallavolo. Ultima gara della stagione al Palabucalo, un successo vista la contemporanea sconfitta della capolista Arzano pone il roster di coach Antonio Jimenez in seconda posizione a sole tre lunghezze dei primi della classe.

Marcela Nielsen

Top Score: Nielsen (Amando), Esposito (Volleyrò)

I due sestetti all’inizio: Jimenez schiera le sue con la consueta iniziale formazione ovvero Courroux/Bertiglia, Nielsen/Giacomel, Cecchini/Murri, Galuppi libero e non effettuerà alcun cambio durante la gara. Di contro Andrea Ebana parte con Safa Allaoui in palleggio, Adji Ndoye opposta, Franceschini e Atamah al centro, Esposito e Del Freo laterali e Cavallieri libero. Spazio nel corso della gara a Camerini, Farelli, Antonucci, Salas e Cherubini.

Farmacia Schultze Santa Teresa di Riva – Volleyrò Casal de’ Pazzi = 3-1

  • Parziali Set – (25-18, 25-16, 22-25, 25-11)
  • Amando Volley: Gervasi, Cecchini (12), Spitaleri (L2), Galuppi (L1), Courroux (2), Giacomel (16), Amaturo, Murri (9), Nielsen (17), De Candia, Messina, Bertiglia (9). All: Jimenez
  • Volleyrò: Camerini (2), Antonucci, Farelli (4), Atamah (5), Del Freo (14), Cavallieri, Esposito (17), Allaoui (5), Franceschini, Cherubini, Ribechi, Martinelli, Salas (1), Ndoye (59. All: Ebana
  • Arbitri: Roberto Tavarini di Carrara e Debora Nannini di Firenze

Primo Set (25-18) – Un primo set sempre sotto controllo per le santateresine che non appaiono mai in difficoltà. Sul 7-3 (due punti consecutivi della Giacomel) mister Ebana chiama il primo time-out. Allungano le locali sul 12-6 (diagonale della Nielsen) ed Ebana ricorre alla prima sostituzione al centro (Cherubini in luogo della Franceschini). Sul 17-12 (fast della Murri) altri due cambi per le romane: entrano Salas e Farelli per Allaoui e Ndoye. Le ospiti riducono il distacco a -3 (19-16) ma sul 22-18 le padrone di casa non concedono altri punti e un ace della Cecchini fissa il risultato del primo parziale sul 25-18.

Secondo Set (25-16) – Le ospiti grazie ad un ace della Del Freo si portano sul 2-5. Sul 3-6 una prodigiosa difesa continuata delle locali che guadagnano un insperato punto con la Giacomel la quale si prodiga successivamente in un proficuo turno al servizio tale da portare le sue sull’8-6 ribaltando l’andamento del set. A lungo i due punti di vantaggio rimangono tali, poi man mano crescono e diventano sei grazie a un tocco morbido di una ispirata Nielsen e poi anche sette su un attacco fuori della Ndoye. Un finale di gara con ancora protagonista la bionda argentina che mette il suo sigillo al parziale che si chiude sul 25-16.

Terzo Set (22-25) – Un set parecchio equilibrato che si gioca punto a punto ove la parità regna sovrana fino al 17-17. Poi c’è il break decisivo delle ospiti: prima la fast di Atamah, poi la Cecchini viene murata, un attacco fuori della Nielsen e la Del Freo che la piazza bene per l’allungo del 17-21. Si gioca ancora punto a punto ma le locali non riescono più a colmare il gap. Il set si chiude 22-25 su una diagonale vincente di Esposito.

Quarto Set (25-11) – E’ senza storia e le padrone di casa si portano sull’8-4 (attacco sulla rete della Del Freo) c’è il primo discrezionale chiamato da Ebana che tuttavia non sortisce effetto: le locali allungano fino all’11-4 (ace di Benny Bertiglia). Un altro ace, stavolta della Nielsen per il 17-8 stronca le velleità avversarie: sul 19-11 va la Bertiglia al servizio e non lo lascia più fino al termine del set e del match che si conclude sul 25-11 su un attacco fuori della Ndoye.