Cade ancora la Fortitudo Messina, sconfitta 95-88 da Piazza Armerina al Polivalente della Cittadella universitaria

Cade ancora la Fortitudo Messina, sconfitta 95-88 da Piazza Armerina al Polivalente della Cittadella universitaria. Ko con assoluto onore per i neroverdi, in partita fino agli ultimi possessi, ma costretti a cedere il passo dalla grande verve offensiva degli ospiti (46% da tre con 13/28) e dal nervosismo scaturito nel quarto finale dopo un antisportivo di Genovese su Marinelli derubricato a fallo semplice dopo un confronto tra gli arbitri, che ha scatenato le proteste della panchina e il conseguente fallo tecnico. Momento in cui la Fortitudo aveva l’inerzia dalla propria e stava ricucendo lo svantaggio su Piazza Armerina.

Partita spettacolare quella giocata proprio da Leonardo Marinelli, top scorer dell’incontro con 39 punti (con 8 assist) e che chiude il match con una valutazione di 51. Doppia cifra anche per Simone Cavalieri (14) e Tagliano (11), mentre Piazza Armerina si gode la serata magica di Giampieri (35 punti e 10 rimbalzi), la solidità di Gloria (21 punti e 12 rimbalzi) e la precisione di Genovese che chiude a quota 15 con 5/6 da tre.

Coach Claudio Cavalieri ritrova Nnabuife e Giannullo e può contare anche sull’ultimo innesto Matteo Mollica, tornato alla Fortitudo dopo aver trascorso gli ultimi mesi con l’Olimpia Legnaia Firenze. Quintetto iniziale composto da Simone Cavalieri, Marinelli, Nnabuife, Tagliano e Kader.

Piazza Armerina parte con un break di 0-5, ma la Fortitudo risponde prontamente e firma il primo vantaggio sul 9-8 con tre punti di Kader, due di Cavalieri, Nnabuife e Marinelli. Dopo appena cinque minuti, però, Kader è costretto a lasciare il parquet, poiché già gravato di tre falli. Piazza Armerina conduce 11-14, trascinata dai 6 punti con 3 rimbalzi offensivi di Gloria. Il gran canestro in penetrazione di Tagliano suona la carica per i neroverdi che volano sul 19-16 con i canestri dalla media di Marinelli e Cavalieri e ancora con Tagliano. Parziale di 6-0 interrotto da Occhipinti e Fortitudo che fa i conti anche con i due falli personali di Giannullo e Nnabuife. Controbreak di 2-12 di Piazza Armerina che conduce 21-28. Bella tripla di Tagliano a chiudere il quarto neroverde, cui risponde Giampieri con un clamoroso buzzer beater da centrocampo per il 24-31.

Gli ospiti toccano il +12 (24-36) in avvio di secondo quarto, ma la Fortitudo resta sempre sul pezzo con il gioco da tre punti di Mollica, la tripla di Cavalieri e i quattro punti consecutivi di Marinelli (34-40). Genovese trova bombe in serie (4/5 fin qui), ma Marinelli trova altri punti che, uniti ai tre di Mollica (con una super schiacciata) e ai due di Nnabuife valgono il 45-49 con cui si va all’intervallo lungo, preceduto da una palla recuperata proprio dal capitano e dalla tripla di Marinelli sulla sirena sputata dal ferro.

Al rientro in campo la Fortitudo firma l’immediato pareggio a quota 49 con i canestri di Cavalieri e Tagliano. Il numero 81, però subisce un fallo tecnico e Piazza Armerina tocca nuovamente il +4 con Giampieri che inizia il suo terzo quarto stellare chiuso, poi, con 14 punti all’attivo e 3/4 da tre. Marinelli tiene a galla a la Fortitudo (i suoi punti saranno 12 con 4/4 dalla lunga distanza), ma gli ospiti toccano il massimo vantaggio sul +13 (55-68) con Scozzaro che riduce le distanze da tre, “imitato” poi dall’ennesima sfida Giampieri-Marinelli che porta lo score del 30’ sul 64-76.

Ultimo parziale aperto dal canestro di Tagliano, ma anche dal quarto fallo di Giannullo, fischiato però dall’arbitro a dieci metri dall’azione. Marinelli diventa grande protagonista: accorcia dalla lunetta e subisce un antisportivo da Ivanisevic, segnando 6 punti consecutivi per il 72-77. Parziale interrotto da un libero dello stesso Ivanisevic e dalla tripla di Genovese (72-81). Segna anche Giannullo, Marinelli fa ammattire Piazza Armerina, ma sul 74-81 gli arbitri comminano un antisportivo a Genovese, poi rettificato a fallo semplice dopo un conciliabolo tra i due. Decisione contestata dalla panchina fortitudina che incassa il fallo tecnico, con Giampieri che allunga sul 74-82. Marinelli e Giannullo fanno 2/4 dalla lunetta, Piazza Armerina deve rinunciare a Gloria, fuori per cinque falli, e la nuova tripla di Marinelli vale il -5 (79-84).

Nel momento più complicato per gli ospiti sale in cattedra Giampieri che infila due penetrazioni consecutive e riporta Piazza Armerina sul +8 a 3’14” dalla sirena (79-88). Accorcia ancora Cavalieri, poi Marinelli segna dalla lunga distanza, ma gli ospiti non tremano ai liberi con Ivanisevic e Giampieri e portano a casa la vittoria sull’88-95 con gli ultimi canestri neroverdi realizzati da Kader.

Fortitudo Messina-Piazza Armerina 88-95 (24-31, 45-49, 64-76, 88-95)

Fortitudo Messina: Caporossi, Marinelli 39, Scozzaro 3, Giannullo 3, S. Cavalieri 14, Catania, Nnabuife 4, Mollica 6, Giovani, Molonia, Kader 8, Tagliano 11. All. C. Cavalieri.

Piazza Armerina: Savoca, Incremona 2, Genovese 15, Occhipinti 12, Minore, Laganà, Gloria 21, Ivanisevic 4, Musikic, Giampieri 35, Scerbinskis 6. All. Ceccato.

Arbitri: Matteo Filesi di Chiaramonte Gulfi e Federico Mameli di Augusta