Il Messina Volley esce sconfitto fra le mura amiche del “PalaRescifina”, nel derby contro l’SSD Unime

Nella 6ª giornata del Campionato di Serie C femminile FIPAV, il Messina Volley esce sconfitto dal match, fra le mura amiche del “PalaRescifina”, nel derby contro l’SSD Unime.

Primo Set (13-25) – Le ragazze allenate dal due composto da Michele Gugliandolo e Domenico Rizzo partono contratte e cedono i primi due set alle atlete di coach Andrea Caristi, reagiscono nel terzo e combattono nel quarto, ma cedono nel finale. Le ospiti partono a testa bassa nel primo parziale con un 5-0 con Chiara Salvatore, Antonina De Francesco e due ace di Marika Arena. Sempre De Francesco piazza il +7 (3-10) con la panchina di casa a chiamare time-out. Al rientro le ospiti alluingano e il pallonetto di Arena segna il +10 (6-16). Il Messina Volley cerca di reagire con due spunti di Giulia Mondello, ma le cussine vanno sul +11 (10-21). Seconda pausa locale, ma le sorti del set non mutano con l’ace di Salvatore a chiudere il parziale (13-25).

Secondo Set (19-25) – Il secondo parte in equilibrio con le due squadre che si alternano a cercare la fuga di 1-2 punti fino al 18 pari, con i i punti di capitan Claudia Gravagno e De Francesco (+2; 18-20) a portare le locali al time-out. Al rientro le ospiti vanno sul +4 (19-23) con De Francesco e due spunti di Arena. Seconda pausa per le padrone di casa, ma l’ace di De Francesco chiude il parziale a favore dell’Unime (19-25).

Terzo Set (25-21) – Set successivo in parità fino al 7-7 con il Messina Volley a realizzare un break di tre punti (10-7) con Mondello e Federica Sicari. Un ace di Mondello rappresenta il +4 (14-10) con coach Caristi a chiedere la pausa. Al rientro Mariapia Lorusso realizza il +5 (15-10), ma le ospiti, dopo un batti e ribatti, accorciano a -2 (19-17). Jlenia De Luca porta nuovamente le locali a +4 (22-18) con la seconda pausa per le ospitl. Sicari realizza il set-point (24-21), anteprima alla conquista del parziale per il Messina Volley.

Quarto Set (21-25) – Padrone di casa avanti di 4 lunghezze nel quarto set (5-1) con due volte Mondello e Sicari. Le ospiti pareggiano e ribaltano a proprio vantaggio le sorti del parziale (+1; 5-6) con l’ace di Federica Currò e il punto del libero Silvana Natoli. Si assiste a un batti e ribatti con le due squadre a distanza di pochi punti fino al break ospite che gli consente di ottenere il +4 (10-14) con la palla a terra di Salvatore. Sul 17-13 per l’SSD Unime, il Messina Volley chiama la pausa e De Francesco centra il +5 (15-20). Il Messina Volley reagisce e torna a -2 (18-20) con la pipe di Mondello e l’ace di De Luca. Nuovo elastico fra le due squadre con il muro di Gravagno a chiudere la partita (21-25).

“E’ stata una partita che ha avuto un risultato diverso da quello che speravamo di ottenere – commenta il centrale Sicari a fine partita –. Il primo set non siamo praticamente entrate in campo, nel secondo c’è stata sicuramente una risposta che però non è stata sufficiente. Nel terzo abbiamo sicuramente saputo fare meglio, però purtroppo non è bastato. Credo che a fare la differenza siano stati gli errori che abbiamo fatto, visto che loro in tutta la partita hanno sbagliato pochissimo. Questo mi dispiace perché in settimana abbiamo preparato la partita e ci siamo allenate bene. Sapevamo che di fronte avremmo avuto un avversario valido in una partita molto sentita, però loro oggi sono state sicuramente supeiori, esprimendo un gioco migliore. L’unime ha difeso molto bene e non ci ha lasciato la possibilità di fare quello che veramente sappiamo fare e che abbiamo dimostrato di saper fare”.      

Messina Volley – SSD Unime 1-3 (13-25; 19-25; 25-21; 21-25)

Messina Volley: Dulcetta, Lorusso 13, Sicari 10, Mondello 16, Laganà (Cap.) 3, Perdichizzi 5, Sorbara,  De Luca 5, Pasa, Arena, De Grazia (Lib. 1), Scarfì (Lib. 2). All. Gugliandolo, 2° All. Rizzo

SSD Unime: Alibrandi, Arena 16, Currò 1, De Francesco 16, Di Bua, Gravagno (Cap.) 5, Ignoto, Maisano 4, Manuguerra, Migale, Raffa, Salvatore 9, Natoli (Lib. 1) 1, Miduri (Lib. 2). All.Caristi, 2° All. De Leo.

Arbitri: Guarnaccia e De Luca                                                          

di “Pietro Fazio”