Serie B1 – Non può nulla l’Amando Volley sconfitta (3-0) nel derby con la capolista Akademia

Sesta vittoria su sei gare che vale il primato solitario per l’Akademia Sant’Anna che supera con un netto 3-0 nell’entusiasmante derby messinese l’Amando Volley S. Teresa. 

Vittoria con merito dove a brillare, oltre al gioco d’insieme, sono state una ispiratissima Ambra Composto ed anche la banda Valentina Martilotti. Benissimo complessivamente anche la ricezione. Una prova di forza, di gioco corale, ove poco hanno potuto le santateresine che comunque, specie nel secondo set, hanno combattuto ad armi pari fino all’ultimo punto mentre nel terzo non c’è stata storia.

Akademia Sant’Anna Messina – Farmacia Schultze Santa Teresa 3-0 (25-18, 25-23, 25-15)
Messina: Varaldo 9, Composto 15, Martilotti 12, Muzi 3, Quarto, Liguori 7, Cardoni 7, Pisano (L). N.E. Iannone, Fabbo, Anselmo, Garofalo. All: Gagliardi.
Amando Volley: Cecchini 4, Bilardi 9, Quiligotti (L), Agostinetto 2, Silotto 7, Ferrarini 1, Marino 9, Bertiglia 9. N.E. Grillo (L2), Amaturo. All: Jimenez
Arbitri: Spartà Claudio, Grasso Alessandro.

I due sestetti all’inizio: Peloritane in campo con Muzi in cabina di regia, Varaldo opposta, Composto e il nuovo acquisto Cardoni al centro, Martilotti e Liguori di banda con Pisano libero; risponde l’Amando Volley con Agostinetto-Bertiglia, Bilardi e Cecchini sottorete, Silotto e Marino schiacciatrici e Quiligotti libero. La centrale Mercieca ancora infortunata. Spazio nel corso della gara a Nicole Ferrarini, talvolta in posto 2 a far rifiatare Bertiglia, talaltra al posto della Silotto, mentre tra le locali spazio anche a Martina Quarto.

Primo set (25-18) – Parte subito forte l’Amando con un +2 iniziale, poi  l’ace di Marino illude le ospiti che si portano avanti sul 4-6. Le locali agguantano il pari sull’8-8 quando l’arbitro fischia un’invasione a rete di Silvia Bilardi. Benny Bertiglia è murata e si va sull’11-8. Inizia il lento ma costante allungo delle locali che accumulano in più circostanze sette punti di margine: 16-9 (attacco fuori della Silotto); 18-11 (Bertiglia ancora murata); 20-13 (errore al servizio della Marino) fino a chiudere il set sul 25-18 con un pallonetto di poco fuori della Cecchini.

Secondo Set (25-23) – Il secondo parziale è stato equilibratissimo, praticamente punto a punto. L’ Akademia prova lo strappo portandosi anche sul +3 ma le ragazze di Jimenez  sono attente e, poco a poco, riescono ad appaiare nel punteggio Muzi e compagne (8-8). Sul 14-14 sono prima la Liguori e poi la Martilotti a tentare l’allungo ma Bertiglia, dopo lungo scambio, riesce a ristabilire la parità sul 16-16.

Nuovo allungo delle locali che si portano sul 20-17 dopo una doppia della Agostinetto e una fast della Composto. Il discrezionale chiamato da Jimenez produce i suoi effetti ed è di nuovo parità sul 21-21 grazie a un primo tempo vincente della Bilardi. Vantaggio ospite con un ace della Ferrarini, poi ancora parità sul 23-23. I due punti decisivi per le locali li mettono a segno Valentina Martilotti con un pallonetto e un muro/fuori provocato dalla Liguori. Nel mezzo anche una palla contesa.

Terzo Set (25-15) – Nel terzo set le padrone di casa ben presto creano un piccolo margine di vantaggio: 6-3 (Bilardi tocca a muro ma la palla va fuori) e poi 7-4 (errore al servizio della Marino). Un muro vincente della Liguori porta le sue sul 10-5. Colpo di coda delle ospiti che recuperano quattro punti consecutivi ma poi è un crescendo dell’Akademia: 15-9 (muro vincente della Composto) prologo del “Martilotti show” a segno da ogni posizione ed anche con un pallonetto ben calibrato. Set che le ospiti non possono più recuperare. Varaldo “spara” sulla Marino che non riesce a controllare ed è il 25-15 finale. 

 foto da “Altri Campi”

 di “Orazio Leotta”