Trasferta pugliese amara per il Team Scaletta sconfitto (4-1) dal Grottaglie

Terza sconfitta consecutiva per il Team Scaletta nella lunga trasferta in Puglia contro la WFC Grottaglie. Partita che termina con il risultato netto di 4-1.

Grottaglie – Team Scaletta  4-1
Marcatori: Convertino (2), Soloperto e Bergamotta (G),  Cucinotta (S)
Grottaglie: Trumino, Farì, Lazzari, Bergamotta, Cardolini, Convertino, D’ippolito, Scarcia (K), Soloperto, Di Sanza, Carrubba, Pastore. All. Bommino
Team Scaletta: Crimi, Rizzo M., Rizzo G. (K), Oliva, Pensabene, Autano, Cusumano, La Falce, Arrigo, Firrincieli, Cucinotta, Fedele. All. Cernuto

Primo Tempo: I primi minuti di partita mostrano una partita equilibrata con azioni e opportunità da entrambe le parti. La prima occasione della partita è per Fedele che a tu pet con l’estremo difensore avversario non centra la porta. Team Scaletta che si fa sentire solo per i primi 10 minuti di gara, subito dopo aver subito il gol da Convertino, con un ottimo destro da fuori area, inizia a spegnersi la compagine siciliana che non riesce a reagire. Il primo tempo termina con il risultato di 3-0 a Convertino si aggiungono Soloberto e Bergamotta.

Cucinotta (Team Scaletta)

Secondo Tempo: Nella ripresa inizia con mister Cernuto che impone si da subito il portiere di movimento, che però non porta ai risultati sperati, anzi sono proprio le padrone di casa a chiudere definitivamente i conti con la quarta rete, ancora Convertino con decisione. Negli ultimi dieci minuti, le ragazze messinesi con orgoglio continuo a provarci, arriva la rete di Cucinotta che accorcia le distanze. A tre minuti dal termine Grazia Rizzo centra in pieno la traversa. Rizzo che si è resa protagonista per aver negato la rete del 5-1 parando un rigore su Bergamotta.

Dichiarazione Melania Rizzo: “Partita iniziata bene, con una bel atteggiamento e con diverse occasioni non sfruttate. Siamo state sfortunate nel primo gol con un “tiro della domenica” bellissimo da lontano, con il secondo e terzo gol ci siamo spente. Nonostante il quinto uomo fin dal secondo tempo per provare a ripartire con una marcia in più, non siamo riuscite a concretizzare, ma anzi a prendere un altro gol.

Dimostrazione della poca convinzione e grinta è stato il gol della bandiera che non ha minimamente cambiato l’andamento del match. Vittoria comunque meritata dalla squadra di casa che ha dimostrato di essere più in forma di noi e soprattutto più vogliose di dimostrare quando valgono.”