Roberto Frazzica: “Confermo la mia continuità con il mio staff sulla panchina della Valdinisi”

Domenica 2 Aprile si è disputata l’ultima gara del campionato di Promozione, un ultimo turno che ha visto una netta vittoria della Valdinisi Calcio (5-0) sul Catania S. Pio X.  Tre punti conquistati dei 31 totali al termine di una stagione di ben 24 giornate con la Valdinisi che ha concluso il proprio campionato in sesta posizione (31 punti) con 7 vittorie, 10 pareggi e 7 sconfitte, 27 gol fatti e 22 subite. Numeri importanti facendo un riscontro con i precedenti campionati di Promozione quelli conseguiti dai ragazzi di mister Roberto Frazzica che hanno conquistato un particolare primato nel Girone C, quello di aver conseguito il primato dei pareggi ben 10.

Tutto sommato una stagione positiva, mettendo in conto anche i vari imprevisti corsi durante la stagione su tutti i tanti infortuni, forse la stagione poteva essere diversa, ma questo non ha intaccato il buon lavoro svolto dal tecnico Roberto Frazzica insieme al suo staff che hanno avuto rinnovata la fiducia da parte della Società della Valdinisi del Presidente Giacomo Rotondo anche per la prossima stagione sportiva 2023/24.

Proprio con il tecnico Roberto Frazzica alla sua terza panchina biancorossa abbiamo analizzato la stagione appena conclusa, non potevamo non iniziare con la prima domanda mister Frazzica ancora  sulla panchina della Valdinisi? “Confermo la mia continuità con il mio staff sulla panchina biancorossa”

La sua riconferma le permette di continuare il suo lavoro intrapreso due stagioni orsono? “Certamente, cercheremo di confermare buona parte del gruppo cercando di puntellarlo con un uomo per reparto, la cosa più importante è partire con le idee chiare e dare continuità”.

Riconferma per lei e per tutto suo staff, questo vuol dire che avete lavorato bene, un premio alla vs professionalità e dedizione in un campionato non certo facile? “Credo sia stato fatto un buon lavoro di staff anche se a mio avviso i risultati non ci hanno premiato per quello espresso in campo”

Prima di parlare del futuro, facciamo un passo indietro, contento del campionato disputato?Si, perché a mio avviso per buona parte della stagione abbiamo espresso un ottimo gioco che appunto ci aveva permesso di essere nella griglia play off, poi un po’ per nostri errori, un po’ per troppe assenze abbiamo vanificato quanto di buono fatto. Ma la cosa più gratificante è aver migliorato buona parte dei giocatori”

Eppure ad un certo punto della stagione si parlava di una Valdinisi nei play-off?Non mi nascondo i Play-Off potevano essere alla nostra portata però abbiamo pagato a caro prezzo la nostra scarsa vena realizzativa, i numeri dicono questo”.

Cosa è successo, avete fatto diversi pareggi che vi hanno rallentato il cammino? “Abbiamo vissuto un momento particolare numericamente parlando, soprattutto un sacco di indisponibili dei ragazzi over e qualche errore di troppo sotto porta ci ha portato a perdere terreno dall’alta classifica”

Una stagione quella vostra caratterizzata da tanti infortuni che hanno condizionato il campionato? “Diciamo che da questo punto di vista non sono un allenatore fortunato

Al di là di tutto una stagione più che positiva merito di tutti, ma anche di tanti giovani promesse che ha avuto modi di valorizzare?  “I giovani sono la nostra nota più lieta Ventra, Longo, Augliera, Rustica, Micalizzi, Bonarrigo, Frontaurea, Cacciola e Trimarchi. Mi dispiace tantissimo per Cicala e D’Angelo che sul più bello si sono rotti i legamenti. Davvero un gruppo serio, importante e di prospettiva.”

Dai giovani ai senatori della squadra soprattutto le faccio due nomi il portiere Simoni e il centrocampista Ghartey dopo tanti anni lasciano la Valdinisi?Solo a parlarne mi stringe il cuore, due ragazzi impeccabili per attaccamento e serietà, hanno scritto la storia di questa società, insostituibili, due leader.”

Forte della sua esperienza, non si vive sugli allori, ogni campionato è storia a sè, cosa ha imparato da questa stagione? “Tanto da quest’anno e tantissimo l’anno scorso, credo che sto facendo gli giusti steep, mi auguro di migliorare anno dopo anno”.

Cosa prevede il suo progetto nella prossima stagione, cosa ha chiesto alla Società? “Con la giusta umiltà e senza straparlare, spero di migliorare il piazzamento di quest’anno coscienti delle nostre qualità e potenzialità”.

Ultima domanda, prossima stagione oltre il derby con il S. Alessio, ci sarà il Kaggi di mister Camarda?Alessio è un amico, sono contento per lui e per il Kaggi. Sportivamente parlando è un bene che sempre più squadre della nostra riviera jonica migliorino la categoria e che partecipano a campionati sempre più importanti”

Grazie mister per la sua gentilezza, buone vacanze alla prossima stagione? “Grazie a voi, ora è tempo di idee e di ricaricare le batterie. Per concludere la mia più grande soddisfazione è stata di avere un gruppo unito sempre presente fino all’ultimo allenamento e un elogio ai ragazzi dello staff Seby e Pippo per l’impegno e professionalità”

 di “Mimmo Muscolino”